BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Foppa battagliera, ma Piacenza è un osso duro: prima semifinale alle emiliane

Una sfida degna di una semifinale scudetto: il PalaNorda e il suo pubblico hanno vissuto quattro set esaltanti. Ma il primo round è andato alle ospiti. La Nordmeccanica Piacenza si è portata avanti nella serie playoff e ora si prepara ad ospitare la Foppapedretti, venerdì sera.

LA GARA
In campo PalaNorda ci sono Plak, Gennari, Aelbrecht, Paggi, Barun, Lo Bianco e il libero Cardullo. Piacenza risponde con Sorokaite, Belien, Bauer, Marcon, Meijners, Ognjenovic e il libero Leonardi (L)

Ritmo altissimi, da subito. Plak e Barun mettono a terra palle pesanti e la Foppapedretti strappa un break che la porta al 19-17 dopo un incessante punto a punto. Ma è Meijners a dare lo strappo decisivo a favore di Piacenza portandola al sorpasso del 19-22. Sylla prende il posto di Barun e la fast di Paggi accorcia la distanza. Dentro anche Durisic per Aelbrecht, ma il tocco di seconda di Ognjenovic e l’attacco di Sorokaite spingono Piacenza all’ace che la porta sull’uno a zero.

Si riprende con una scatenata Plak decisa a trascinare avanti le rossoblù, si va 14-10 con il muro di Durisic (saranno 4 quelli della centrale serba nel set), Barun ferma la risalita della Nordmeccanica e la difesa della Foppapedretti dà spettacolo: si vola fino al 21-15, il PalaNorda ribolle ed esplode sotto i colpi di Barun e Plak che riportano il match in parità.

Piacenza riparte subito forte, si porta avanti 11-7, Barun riavvicina ma un paio di imprecisioni rossoblù lasciano scappare la Nordmeccanica fino al 18-14. Entra Sylla per Plak e mette subito a terra il punto numero 15, Bauer e Sorokaite con un doppio ace allungano. Sul 23-17 l’ultima impennata di orgoglio rossoblù che si infrange con il mani-fuori di Sorokaite per il 25-19.

La Foppapedretti subisce il colpo e si ritrova sotto 1-7. E allora di nuovo dentro Sylla per Plak. Al time out tecnico è 8-12 e Aelbrecht dà il cambio a Paggi. Plak rientra sul 12-19 e si fa subito sentire, in attacco e al servizio con due ace consecutivi. Il muro di Aelbrecht firma il 18-20, Gennari il 19-20. Il PalaNorda è di nuovo una bolgia e l’ace di Alebrecht vale il 21 pari. Sul 22-22 prima Sorokaite e poi un ace di Meijners dannodue match ball a Piacenza che un errore e Vesna Durisic annullano. Belien conquista il terzo e Barun lo annulla, Marcon agguanta il quarto chr Meijners spreca, Bauer va 26-27 ed è la volta buona per Piacenza di chiudere set e gara.

Ora gara2, venerdì al PalaBanca di Piacenza, per riportare le sorti in parità e allungare la serie che porta in finale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da franz_bell

    brave…forza foppa non è detta l’ultima parola…comunque un quarto posto che nessuno all’ inizio aveva pronosticato è già un ottimo risultato,ma non è ancora finita…….forza foppa si può fare….aldo