BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Il Pd con Molteni, ecco la lista: 8 uomini e 8 donne, nomi nuovi e volti noti

Il Partito Democratico scioglie le riserve e presenta la lista che, assieme a "Molteni Sindaco", "Lista Arancio" e "Treviglio al Centro" sosterrà la candidatura a sindaco di Erik Molteni.

Il Partito Democratico scioglie le riserve e presenta la lista che, assieme a “Molteni Sindaco”, “Lista Arancio” e “Treviglio al Centro” sosterrà la candidatura a sindaco di Erik Molteni: una rosa di 16 nomi divisi equamente tra uomini e donne in risposta, come emerso durante la presentazione, a precisi criteri di parità e di merito. Tra di loro, oltre a diverse persone provenienti dai più disparati settori della società civile, anche 3 legali.

Ad aprire l’incontro ci ha pensato Laura Rossoni, capolista designata dei democratici, che, nel corso dell’introduzione, ha subito posto l’accento sul mix di novità e rinnovamento che caratterizzano la lista. La stessa, ha poi posto l’attenzione su come, ormai da anni, Treviglio non sia più presente ai tavoli importanti come quelli provinciali e regionali, denunciando una sempre più marcata “vocazione insensata all’isolamento”.

“La città – ha spiegato – deve trovare il ruolo, anche politico, che una serie di fattori, come la sua collocazione geografica, le sue infrastrutture e la sua vivacità economico-produttiva, richiedono. Un ruolo, che Treviglio si deve conquistare e che solo il Pd, che attualmente governa Bergamo e Provincia, può dargli”.

La parola è poi passata a Molteni, il quale ha tracciato il percorso del Pd dal giorno della sua nomina a segretario locale, avvenuta 4 anni fa, ad oggi. Nel corso di questi anni di continuo rinnovamento, e con l’avvento delle ormai prossime elezioni, il candidato ha visto il compimento di un cerchio. Lo stesso Molteni ha poi aggiunto che “il centrosinistra di oggi è una delle compagini più competitive e competenti degli ultimi anni. Questo perché abbiamo avuto la capacità di guardare oltre, e con lungimiranza, gli anni a venire. Sappiamo di essere il primo partito del paese, e questo ci investe di una grandissima responsabilità: ossia, portare Treviglio ad essere leader nella provincia di Bergamo. Torneremo a far pesare la città nei tavoli sovralocali, nei tavoli, quindi, che contano”.

“Abbiamo un compito importante – ha proseguito – : portare Treviglio, da un punto di vista etico e morale, ad un ruolo che le compete. Il centrosinistra deve tornare al governo della città, perché deve tornare un’idea diversa di ‘città’. Dove il cittadino è al centro del proprio progetto”.

Prima della presentazione dei singoli candidati, l’augurio del segretario provinciale del Partito Democratico Gabriele Riva, che ha concluso con un “non ci interessa il balletto delle candidature degli altri, ma presentare la nostra idea di città. Spesso, poi, l’elettorato è più avanti dei giochini che alcuni schieramenti intendono fare per mascherare i propri posizionamenti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.