BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cane travolto e ucciso da un’auto: “Andava a tutta velocità e nemmeno si è fermato”

Il racconto di due testimoni, Carmelo e Roberta, che fino a pochi minuti prima si erano fermati ad avvisare gli altri automobilisti della presenza dell'animale.

Uno splendido esemplare di pastore tedesco, travolto e ucciso dalla corsa di un’auto.

Quando l’hanno ritrovato privo di vita, Carmelo e Roberta stentavano a crederci: la coppia, marito e moglie, l’aveva notato spuntare pochi minuti prima dal bordo della strada, e si era fermata proprio per segnalare la presenza agli altri automobilisti.

“Erano le 21.30 di domenica 17 aprile e stavamo percorrendo in macchina via Kennedy, la strada che segna il confine tra la frazione Sabbio di Dalmine e il comune di Levate. Una strada che si sarebbe potuta rivelare fatale per l’animale, proprio perché priva dell’illuminazione”.

I due hanno così parcheggiato l’auto a lato della carreggiata, azionato le quattro frecce e avvisato i conducenti che sopraggiungevano del potenziale pericolo.

“Ci siamo distratti un attimo soltanto per chiamare i carabinieri e l’accalappiacani”, continuano i due. “In quel breve lasso di tempo il cane era sparito. Pensavamo si fosse spostato dalla strada, e invece…”

E invece, “appena ci siamo rimessi al volante abbiamo visto un’auto sfrecciare a tutta velocità in direzione opposta alla nostra, proprio dove si era fermato il cane”.

Morsi dall’angoscia, i due hanno subito invertito la marcia per assicurarsi che l’animale non fosse tornato in mezzo alla strada.

“Purtroppo, quando siamo arrivati era già troppo tardi. Il pastore tedesco giaceva proprio lì, immobile, davanti ai nostri occhi”.

“Possiamo soltanto dire che chiunque fosse alla guida di quell’auto viaggiava ad una velocità poco consona ad una strada di paese – raccontano i due -. E, cosa ancor più grave, non si è neppure fermato per prestare soccorso al povero animale”.

Del resto, il Codice della Strada parla chiaro: ‘In caso di incidente da cui derivi danno a uno o più animali d’affezione, da reddito o protetti, si ha l’obbligo di fermarsi e di porre in atto ogni misura idonea ad assicurare un tempestivo intervento di soccorso agli animali che abbiano subito il danno’.

Stando alla regola, dunque, si ha il dovere di fermarsi e trasportare un animale ferito proprio come una persona.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.