BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Referendum: 32% alle urne, 30,9% in Bergamasca; Renzi: gli sconfitti hanno nomi e cognomi

Niente quorum. La metà degli italiani ha detto con chiarezza che le trivelle nel mar Mediterraneo possono durare fino a che non sarà estratto tutto il petrolio che possono dare.

Niente quorum. Molto più della metà degli italiani ha detto con chiarezza (scegliendo di non andare a votare) che le trivelle nel mar Mediterraneo possono durare fino a che non sarà estratto tutto il petrolio che possono dare.

Serviva il 50 per cento degli aventi diritto al voto, più un elettore, per rendere valida la consultazione elettorale voluta da alcune Regioni e contrastata dal premier Matteo Renzi in persona che ha invitato a disertare le urne.

E invece solo il 32 per cento in tutta Italia si è recata alle urne: Bergamasca sotto la media: 30,9% in tutta la provincia, mentre in città si è nella media nazionale col 32,79%.

Sono stati l’86,44%, pari a 12.822.918 i sì; il 13,56% i no, pari a 2.011.112.

La Basilicata, trascinata dalla provincia di Matera, è stata l’unica regione in cui il quorum è stato superato.

E alle 23 e pochi minuti, non  appena chiaro che il referendum non avrebbe raggiunto il quorum, il premier Renzi ha commentato: “Nei prossimi giorni vedremo la solita passerella di tutti quelli che si ritengono vincitori anche se non hanno vinto. Il governo crede che i vincitori siano gli operai, quelli che lavorano, quelle undicimila persone che avrebbero rischiato il posto di lavoro e per le quali abbiamo lavorato”.

“Chi vota non perde mai – ha proseguito Renzi – massimo rispetto per chi ha votato. Ma gli sconfitti hanno nomi e cognomi: pochissimi consiglieri regionali e qualche presidente regionale che  ha voluto cavalcare un referendum per motivi politici. Per esigenze di conta interna da parte di qualcuno” e si riferisci in primis a Michele Emiliano, leader della Regione Puglia che dal canto suo risponde dicendo che comunque ha messo il governo all’angolo e definendo una “barzelletta” la storia dei posti di lavoro che si sarebbero persi.

Matteo Renzi ammette di aver “molto sofferto la scelta di non andare a votare”. E critica i talk show. Poi, nell’elencare le aziende in difficoltà, cita l’Italcementi di Bergamo.

Ecco i dati definitivi orobici comune per comune.

ADRARA SAN MARTINO 27,40
ADRARA SAN ROCCO 29,79
ALBANO SANT’ALESSANDRO 32,82
ALBINO 29,97
ALGUA 25,93
ALME’ 32,03
ALMENNO SAN BARTOLOMEO 31,20
ALMENNO SAN SALVATORE 29,69
ALZANO LOMBARDO 33,20
AMBIVERE 32,49
ANTEGNATE 21,78
ARCENE 35,53
ARDESIO 25,92
ARZAGO D’ADDA 29,88
AVERARA 25,16
AVIATICO 27,37
AZZANO SAN PAOLO 35,66
AZZONE 12,07
BAGNATICA 31,82
BARBATA 31,87
BARIANO 27,20
BARZANA 28,00
BEDULITA 26,15
BERBENNO 23,87
BERGAMO 32,79
BERZO SAN FERMO 25,02
BIANZANO 25,46
BLELLO 40,74
BOLGARE 28,71
BOLTIERE 31,85
BONATE SOPRA 29,56
BONATE SOTTO 30,19
BORGO DI TERZO 32,68
BOSSICO 21,86
BOTTANUCO 36,28
BRACCA 25,31
BRANZI 26,66
BREMBATE 32,85
BREMBATE DI SOPRA 30,57
BRIGNANO GERA D’ADDA 29,51
BRUMANO 33,33
BRUSAPORTO 33,10
CALCINATE 29,91
CALCIO 27,60
CALUSCO D’ADDA 29,62
CALVENZANO 31,10
CAMERATA CORNELLO 18,56
CANONICA D’ADDA 30,87
CAPIZZONE 23,57
CAPRIATE SAN GERVASIO 32,19
CAPRINO BERGAMASCO 30,89
CARAVAGGIO 30,39
CAROBBIO DEGLI ANGELI 30,18
CARONA 25,25
CARVICO 28,10
CASAZZA 30,08
CASIRATE D’ADDA 31,83
CASNIGO 28,99
CASSIGLIO 48,91
CASTELLI CALEPIO 26,38
CASTEL ROZZONE 29,37
CASTIONE DELLA PRESOLANA 24,42
CASTRO 33,36
CAVERNAGO 32,69
CAZZANO SANT’ANDREA 28,34
CENATE SOPRA 29,02
CENATE SOTTO 29,31
CENE 30,83
CERETE 29,61
CHIGNOLO D’ISOLA 25,18
CHIUDUNO 33,37
CISANO BERGAMASCO 29,79
CISERANO 35,97
CIVIDATE AL PIANO 32,09
CLUSONE 28,42
COLERE 13,51
COLOGNO AL SERIO 36,64
COLZATE 31,80
COMUN NUOVO 31,12
CORNA IMAGNA 22,49
CORNALBA 19,02
CORTENUOVA 32,55
COSTA DI MEZZATE 32,78
COSTA SERINA 20,28
COSTA VALLE IMAGNA 26,51
COSTA VOLPINO 26,01
COVO 31,71
CREDARO 27,65
CURNO 34,25
CUSIO 21,42
DALMINE 32,71
DOSSENA 20,80
ENDINE GAIANO 25,22
ENTRATICO 25,88
FARA GERA D’ADDA 37,15
FARA OLIVANA CON SOLA 30,32
FILAGO 34,13
FINO DEL MONTE 26,37
FIORANO AL SERIO 36,91
FONTANELLA 24,75
FONTENO 20,07
FOPPOLO 19,27
FORESTO SPARSO 21,40
FORNOVO SAN GIOVANNI 28,93
FUIPIANO VALLE IMAGNA 34,48
GANDELLINO 26,06
GANDINO 27,22
GANDOSSO 21,85
GAVERINA TERME 28,66
GAZZANIGA 31,47
GHISALBA 32,69
GORLAGO 29,56
GORLE 33,70
GORNO 22,49
GRASSOBBIO 31,99
GROMO 26,59
GRONE 29,96
GRUMELLO DEL MONTE 27,49
ISOLA DI FONDRA 30,24
ISSO 35,54
LALLIO 36,29
LEFFE 24,62
LENNA 28,65
LEVATE 40,07
LOCATELLO 28,36
LOVERE 27,87
LURANO 30,93
LUZZANA 35,27
MADONE 29,73
MAPELLO 32,23
MARTINENGO 31,20
MEDOLAGO 31,01
MEZZOLDO 31,64
MISANO DI GERA D’ADDA 35,52
MOIO DE’ CALVI 41,24
MONASTEROLO DEL CASTELLO 28,86
MONTELLO 34,05
MORENGO 30,57
MORNICO AL SERIO 25,48
MOZZANICA 31,08
MOZZO 33,35
NEMBRO 32,60
OLMO AL BREMBO 34,32
OLTRE IL COLLE 17,83
OLTRESSENDA ALTA 44,36
ONETA 28,22
ONORE 29,36
ORIO AL SERIO 40,06
ORNICA 24,46
OSIO SOPRA 33,35
OSIO SOTTO 33,23
PAGAZZANO 29,52
PALADINA 32,61
PALAZZAGO 27,83
PALOSCO 26,92
PARRE 26,30
PARZANICA 18,68
PEDRENGO 32,70
PEIA 28,60
PIANICO 28,47
PIAZZA BREMBANA 26,27
PIARIO 33,01
PIAZZATORRE 25,90
PIAZZOLO 28,00
POGNANO 30,62
PONTE NOSSA 28,09
PONTERANICA 33,71
PONTE SAN PIETRO 35,03
PONTIDA 30,21
PONTIROLO NUOVO 30,55
PRADALUNGA 33,45
PREDORE 29,72
PREMOLO 24,50
PRESEZZO 35,81
PUMENENGO 28,57
RANICA 34,61
RANZANICO 26,15
RIVA DI SOLTO 20,08
ROGNO 25,83
ROMANO DI LOMBARDIA 31,66
RONCOBELLO 31,14
RONCOLA 19,73
ROTA D’IMAGNA 25,81
ROVETTA 28,43
SAN GIOVANNI BIANCO 25,22
SAN PAOLO D’ARGON 33,37
SAN PELLEGRINO TERME 27,81
SANTA BRIGIDA 20,40
SANT’OMOBONO TERME 20,89
SARNICO 27,24
SCANZOROSCIATE 31,75
SCHILPARIO 15,73
SEDRINA 24,49
SELVINO 36,93
SERIATE 35,16
SERINA 22,91
SOLTO COLLINA 19,30
SOLZA 31,79
SONGAVAZZO 27,24
SORISOLE 32,65
SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII 32,33
SOVERE 24,82
SPINONE AL LAGO 30,33
SPIRANO 30,26
STEZZANO 34,27
STROZZA 29,13
SUISIO 31,26
TALEGGIO 23,82
TAVERNOLA BERGAMASCA 25,83
TELGATE 29,63
TERNO D’ISOLA 30,03
TORRE BOLDONE 36,42
TORRE DE’ ROVERI 34,18
TORRE PALLAVICINA 24,44
TRESCORE BALNEARIO 29,81
TREVIGLIO 31,57
TREVIOLO 35,42
UBIALE CLANEZZO 25,60
URGNANO 31,50
VALBONDIONE 19,48
VAL BREMBILLA 21,37
VALBREMBO 33,12
VALGOGLIO 20,91
VALLEVE 42,24
VALNEGRA 34,91
VALTORTA 19,92
VEDESETA 27,80
VERDELLINO 36,48
VERDELLO 33,69
VERTOVA 29,56
VIADANICA 28,30
VIGANO SAN MARTINO 29,80
VIGOLO 21,04
VILLA D’ADDA 27,49
VILLA D’ALME’ 27,92
VILLA DI SERIO 30,98
VILLA D’OGNA 31,39
VILLONGO 26,88
VILMINORE DI SCALVE 22,90
ZANDOBBIO 29,00
ZANICA 32,97
ZOGNO 28,09

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Patrizio

    Avrei curiosità? Quale è il parere degli Italiani sugli intenti del vertice a Parigi per salvare il pianeta?
    Aver paura ad uscire gradualmente dalle fonti fossili?
    Le varie malattie che colpiscono molti Italiani non è colpa dei nostri stili di vita e inquinamento Aria, Acqua, Terra, Cibo???
    Le malattie sono sfortune per chi le prende.
    Le responsabilità sono di tutti.
    Continuiamo a sperare che non capiti a noi.
    Poveri italiani abbiamo avuto i governi che ci siamo meritati.
    Questo governo per puntare al fallimento del quorum ha tenuto separate le amministrative di giugno buttando dalla finestra 360 milioni. Quanti non hanno votato per menefreghismo?
    Le malattie non attendono i nostri comodi.

  2. Scritto da Satana

    Gli italiani si sono stufati del referendum proposti da questa democrazia malata! Sanno benissimo che poi i politici ribaltano la frittata a loro piacimento! Basta vedere che fine ha fatto il referendum sul finanziamento pubblico dei partiti!

    1. Scritto da Patrizio

      Condivido che dei politici non ci possiamo fidare.
      Non condivido che dobbiamo rimanere ad aspettare quello che fanno loro, visto anche la corruzione in Basilicata proprio sul petrolio affari imprenditori e politici, questo referendum era da vincere per noi e per chi viene dopo di noi.
      Siamo sempre in ritardo a fare le cose giuste.
      Siamo sempre pronti a seguire il calcio o le varie isole e programmi che fanno pena. Impegnarsi per il bene comune anche a noi cittadini non è automatico, ci è difficile. Il voto è forse l’unica arma che abbiamo non dimentichiamoci.