BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

BlaBlaCar, oltre 10 mila utenti bergamaschi al mese foto

La più grande community di passaggi in auto piace anche a Bergamo che registra più di diecimila passaggi al mese.

Ospite dell’AperInfo di oggi al Bergamo Science Center di piazzale degli Alpini, il terzo della stagione 2016, organizzato da Talent Garden in collaborazione con Banca Popolare di Bergamo e Associazione BergamoScienza, il leader europeo del settore del ride sharing, BlaBlaCar, la più grande community di passaggi in auto che conta oltre 25 milioni di utenti iscritti e che è attiva ed operante in 22 Paesi, tra cui l’Italia.

A raccontarci il percorso di crescita da startup a leader globale, Silvia Conti, PR Manager Italia di BlaBlaCar, che ha illustrato le logiche di questo settore che coniuga le nuove dinamiche del web alle più tradizionali, ma sempre attuali, problematiche legate alla viabilità e ai trasporti.

A Bergamo sono 10.200 gli utenti che ogni mese usano BlaBlaCar per i propri spostamenti; e sono numeri in costante crescita.

Il servizio offerto da BlaBlaCar permette attraverso la piattaforma web o relativa applicazione mobile, di mettere in contatto, da un lato, automobilisti con posti liberi a bordo delle proprie vetture, dall’altro lato, persone in cerca di un passaggio per la medesima destinazione.

In questo modo è possibile dividere le spese, risparmiando fino al 75% sul costo totale del viaggio.

La storia di BlaBlaCar si sviluppa parallelamente in Francia e in Italia. Oltralpe, BlaBlaCar nasce nel 2006 a Parigi con il nome di Covoiturage.fr e si afferma in pochi anni come nuova modalità di trasporto per milioni di francesi, soprattutto giovani.

bLA2

Parallelamente, in Italia nel febbraio 2010 nasce postoinauto.it dall’idea di un gruppo di studenti che avevano sperimentato i viaggi condivisi all’estero, in particolare in Francia e Germania. Nel marzo 2012, postoinauto.it entra a far parte del network ormai internazionale di Covoiturage.fr, che cambia il suo nome in BlaBlaCar.

L’idea ha avuto talmente successo che l’app, iOS e Android è giunta a 15 milioni di download e i viaggiatori che ogni trimestre utilizzano il servizio sono 10 milioni.

Utilizzata in tutto il mondo, BlaBlaCar oltre a fornire un’alternativa di trasporto agevole e economica, incentiva un uso dell’auto più sostenibile dal punto di vista ambientale: i dati parlano di una media di 2.8 occupanti per auto contro una media europea di 1.6 senza BlaBlaCar, e circa 1.000.000 tonnellate di CO2 e 500.000 tonnellate di carburante risparmiate negli ultimi 12 mesi dalla community globale del ride sharing.

Un ulteriore aspetto da non sottovalutare è anche la maggiore piacevolezza del viaggio, il poter incontrare nuove persone e lo scambiare quattro chiacchiere durante il tragitto.

“Siamo giunti al terzo appuntamento con gli @aperinfo di TAG – dichiara Osvaldo Ranica, Direttore Generale di Banca Popolare di Bergamo – una collaborazione di cui la nostra Banca va particolarmente fiera perché rappresentativa del nuovo mondo imprenditoriale giovanile. Essere al fianco di Talent Garden è un chiaro modo per Banca Popolare di Bergamo di rendere concreta la storica inclinazione alla nuova imprenditoria, alle nuove generazioni, alla digitalizzazione e informatizzazione di attività e progetti. Abbiamo infatti la ferma convinzione che la continua ricerca di innovative opportunità e l’importante contributo che le nuove generazioni possono dare costituisce una chiave di svolta alla crisi e alla difficile situazione economica e sociale che da troppo tempo ci mette alla prova. L’appuntamento di oggi ci ha offerto l’occasione per conoscere più da vicino BlaBlaCar, la più grande community di ride sharing, una delle realtà di share economy di maggior successo, una vera e propria condivisione di risorse che altrimenti verrebbero sprecate. Ancora una volta si siamo trovati ad ascoltare la storia di un’azienda che da startup è diventata una grande multinazionale; un’azienda che coinvolge aspetti della vita quotidiana di tutti noi, rendendola più efficiente, attiva e, perché no, ecologica. Ancora una volta siamo di fronte a giovani intelligenti e ricchi di iniziativa che con le loro idee portano al successo innovativi progetti.”

BLA3

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.