BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Il sindacato è…” un cortometraggio nel cuore della Cgil

Cgil Bergamo ha presentato venerdì 15 aprile il mini documentario commissionato all'associazione Nestwork e realizzato da Barbara Lena, regista e montatrice, insieme al collaboratore esterno, co-regista e operatore-video Luca Salmaso.

Il mondo dell’occupazione è spesso osservato dalla prospettiva dei lavoratori, ma esiste un altro punto di vista che dialoga con esso, comunicando gli stessi valori morali e sociali, ed è il mondo del sindacalismo.

lavoro cgil

Ed è con un mini documentario, realizzato ad opera dall’associazione Nestwork e diretto dalla regista Barbara Lena insieme al co-regista e operatore-video Luca Salmaso, che la CGIL presenta questa realtà, che rimane talvolta ignota alle persone.

A cura del segretario generale provinciale della Cgil Ligi Bresciani è stato realizzata un cortometraggio, che verrà poi diffuso attraverso i principali canali di mediazione giornalistica e attraverso la comunicazione online. L’obiettivo che si prefigge Bresciani è definire il significato del sindacalismo oggi, fugando ogni dubbio sull’utilità di questo lavoro.
Tale mestiere è dunque inquadrato dal punto di vista del cittadino, a cui vine sottoposta una sola domanda: “chi è il sindacalista?”.

Si è deciso, così, di trovare la risposta a questo quesito tra le persone ed è emerso che il live-motive del sindacalismo è la tutela del lavoratore grazie a delegati che permettono di intrecciare rapporti tra gli impiegati e le aziende, al fine di stabilire un dialogo sincero e condiviso da entrambe le parti.

“Il sindacalismo è una casa di vetro” afferma Luigi Bresciani, che con trasparenza veicola la funzione sociale assunta da quest’organo.
Con interviste effettuate alla sede della Cgil, al cantiere del centro commerciale Oriocenter e alla fabbrica Italcementi di Calusco, il mini documentario mostra come gli stereotipi e le verità che aleggiano attorno alla figura, vituperata e denigrata, del sindacalista siano vari.
E con un target diretto alle persone comuni e ai lavoratori di ogni giorno, la regista Barbara Lena rappresenta, con un taglio stilistico di semplicità, la vita lavorativa di due sindacalisti in un documentario che intende incorniciare la realtà del mestiere.

Con l’intento non solo di trasmettere all’esterno la funzione sociale del sindacalismo, ma anche per guardare con occhio critico all’operato di questa associazione, in un dialogo costante tra il mondo del lavoro e il mondo del sindacalismo, nel tentativo costante di intercettare la volontà dei lavoratori.

Condivide le parole di Bresciani la responsabile della Biblioteca “Di Vittorio” Eugenia Valtulina, sottolineando come il sindacalista abbia una funzione sociale di struttura fondamentale e insostituibile.

Confidando di arrivare anche al cuore dei giovani, Bresciani conferma che l’idea sarà perseguita per realizzare nuovi cortometraggi che, in chiave realistica, evidenzino l’importanza del sindacalismo anche oggi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.