BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sarà un’estate a ritmo “moombahton”, parola di Dasoul

Ogni anno in primavera ci chiediamo quale sarà la tendenza musicale dell’estate e, ormai da anni, la risposta è sempre la stessa: sarà un’estate “latina”.

Così, per non venire meno a questa tradizione (tutta italiana!), ecco iniziata l’invasione di brani (e artisti) dalle sonorità latine e caraibiche. La novità di quest’anno, almeno per il grande pubblico, è l’esplosione del moombahton, genere già conosciuto ai giovani “dancettari” italiani: questo (diciamo) nuovo genere musicale nato a Washington durante i primi anni del nuovo millennio è diventato così popolare da essere considerato l’evoluzione del più classico “reggaeton”, diventando il genere di riferimento nei Caraibi e in Jamaica.

Uno dei maggiori esponenti “europei” di questo movimento (perché ormai non è più solo un genere musicale!) è lo spagnolo Dasoul. Il suo singolo di maggior successo è “Él no te da”.

“Él no te da” è stata scritta, composta, prodotta ed arrangiata interamente da Dasoul. Questo brano nasce dalla fusione tra “latin-house” e “reggaeton”, con strumenti percussivi e ritmiche “dancehall”.

“Él no te da” ha già ottenuto il doppio disco di platino in Spagna ed il video ufficiale ha oltre 41 milioni di visualizzazioni su YouTube, in continua crescita. Oltre ad essere rimasto nella “top 10” ufficiale di vendita spagnola per 40 settimane consecutive (Dasoul è risultato l’unico artista spagnolo presente!) ed essere stato il brano più “shazzammato” in Spagna per oltre 3 mesi.

“Él no te da” ha totalizzato oltre 30 milioni di streams su Spotify.

Ascoltalo nella playlist “Pasión latina” di Bergamonews

“Él no te da” è anche il singolo di punta dell’album d’esordio di Dasoul, dal titolo “Si me porto mal”, che uscirà in Italia il 27 maggio su etichetta Do It Yourself, distribuito in fisico da Sony Music e in digitale da Made In etaly.

Quattordici le tracce nell’album, dodici brani inediti e due remix di “De lao a lao” (con il feat. di Fito Blanko & Maffio) e di “Si me porto mal”, brano che da anche il titolo all’album.

Tutta l’energia contagiosa del Moombahton e della “latin music” in un album esplosivo: “Si me porto mal”.

Un album che “fa muovere il culo” ma, come da tradizione latina, non disdegna le “ballad” e le classiche sonorità del genere.

Per i maniaci del dance-floor, Moombahton alla stato puro: “Él no te da”, “Si me porto mal” e “Pa que lo bailen en la disco”.

Per i veri cultori della musica latina e caraibica, un’ampia scelta tra salsa, bachata, calipso, rumba, mambo, pachanga, soca… tutti brani perfetti anche per gli amanti e i praticanti della Zumba e del Bowka: “Prometo amarte”, “De lao a lao”, “Para qué llorar”, “La bienvenida al amor”, “Vámos pa la calle”, “Todos los latinos”, “Amarte más”, “Dejalo”.

Quella del 2016 sarà l’ennesima estate latina, facciamocene una ragione, anche perché, come dice Dasoul, “somos todos latinos con la sangre caliente!”

 

BIOGRAFIA UFFICIALE

Dasoul, nato a Telde (Gran Canarie, Isole Canarie) il 6 febbraio 1990, sin da bambino manifesta il suo interesse per la musica ma solo cinque anni fa decide di trasformare la sua passione in qualcosa di più: inizia a comporre e produrre brani per diversi artisti spagnoli. In breve emerge il suo talento e il salto da “ghost producer” ad “artista” è del tutto inevitabile.

Nel 2012 Dasoul firma un contratto con la label indipendente spagnola Roster Music. Inizia a lavorare sul proprio repertorio, continuando però a produrre per artisti come Fito Blanko, Maffio, Henry Mendez, Cristian Deluxe, Decai, Keymass & Bonche.

Il suo primo singolo, uscito nel 2013, s’intitola “De lao lao” e sino ad oggi ha totalizzato oltre 6.000.000 di visualizzazioni su YouTube. Gli ultimi mesi dello stesso anno li passa in studio, tra Miami e Portorico, dove darà vita ai brani “Love benvenuto” e “Come pa la calle”.

A metà del 2014, presenta ufficialmente al pubblico “Love benvenuto” e inizia il suo primo tour promozionale, che lo porterà in giro per l’intera Spagna. Il brano viene suonato dalle più importanti radio spagnole e, grazie al suo successo, Dasoul appare in alcuni programmi televisivi.

Nel dicembre 2014, tornato in studio, da vita al brano che segnerà la svolta della sua carriera: “Él no te da”. Oltre ai risultati ottenuti in Spagna (riportati dinnanzi), il brano viene esportato (e suonato) in tutti i paesi dell’America Centrale.

Nei primi mesi del 2015, “Él no te da” muove i primi passi anche in Europa: Francia, Svizzera, Grecia, Romania, Turchia e Kosovo).

A febbraio, in occasione del carnevale, rende omaggio alla sua terra lanciando il singolo “Prometo amarte”.

Nel giugno del 2015, Dasoul realizza, con Keymass & Bonche, “Para qué llorar”. Il brano ha un sound molto fresco, percorrere tematiche giovanili e combina ritmi latini ad un tocco di reggae.

Il 13 novembre, 2015 esce in Spagna il primo album di Dasoul: “Si me porto mal”. L’album include molti dei suoi successi e tre nuove canzoni (“Pa que lo bailen en la disco”, “Yo soy” e la stessa “Si me porto mal”). La maggior parte delle canzoni sono state composte e prodotte dall’artista canario.

“Él no te da” ha di fatto consacrato il genere moombahton in Europa e grazie al suo strepitoso successo (dapprima in terra iberica), Dasoul – dalla seconda metà del 2015 ad oggi – ha totalizzato più di 100 date del “Gira él no te da” International Tour, con date in Spagna, Francia e Svizzera.

Discografia ufficiale:
– De lao a lao (2013)
– La bienvenida al amor (2014)
– De lao a lao (No Pierdes El Break) (feat. Fito Blanko & Maffio, 2014)
– Vámonos pa la calle (con Maffio, 2014)
– Déjalo (2014)
– Él no te da (2014)
– Prometo amarte (2015)
– Sí me porto mal (Album) (2015)
– Si me porto mal (Single) (2015)
– Vuela corazón (2016)

Collaborazioni:
– Todos Los Latinos (con Henry Mendez, Cristian Deluxe y Charly Rodríguez, 2013)
– Amarte más (con Henry Mendez, 2014)
– Dale (con Kiko Rivera, 2015)
– Para que llorar (con Keymass & Bonche, 2015)
– Formentera (con Ricky Santoro, 2015)
– Eres mía (con XRIZ, 2016).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.