BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Oggetti inesistenti venduti su internet per 30mila euro: 38enne in manette

I carabinieri di Villa d'Almè hanno tratto in arresto un 38enne originario di Brivio (Lecco) e residente a Villa d'Adda, specializzato nelle truffe on line.

Più informazioni su

Attraverso alcuni siti internet era riuscito a vendere una settantina di oggetti inesistenti, intascando circa 30mila euro. I carabinieri di Villa d’Almè hanno tratto in arresto un 38enne originario di Brivio (Lecco) e residente a Villa d’Adda, specializzato nelle truffe on line.

L’uomo era già stato condannato lo scorso ottobre a 5 anni e 4 mesi per il medesimo reato, la truffa. Ma una volta ottenuti gli arresti domiciliari, dal computer di casa aveva ripreso a rifilare “bidoni” alla gente. E senza nemmeno troppi accorgimenti, visto che oltre che il proprio pc, il telefono utilizzato per farsi contattare dai clienti era intestato proprio a lui.

E’ proprio grazie a queste “tracce” elettroniche che i carabinieri di Calusco sono risaliti a lui, F. P., 38enne di Villa d’Adda.

Secondo quanto ricostruito sarebbero circa settanta le truffe che sarebbe riuscito a portare a termine in tutta Italia, tra cui una in Valseriana, intascando complessivamente circa 30mila euro.

Tra i finti oggetti in seconda mano messi in vendita, su portali Subito.it e Kijiji.it (estranei all’inchiesta), stufe a pellet, elettrodomestici Bimby e una piscina gonfiabile.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.