BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’inspiegabile silenzio dei Grillini sulla scomparsa di Casaleggio

Sono trascorse ormai otto ore dalla morte di Casaleggio, uno dei fondatori del Movimento 5 Stelle che ha fatto della democrazia 2.0 e della partecipazione popolare la bandiera, eppure i Grillini hanno un ordine da Roma: non possono esprimere il loro cordoglio.

Più informazioni su

Quando muore una persona cara il ricordo è immediato, affiorano alla mente i momenti trascorsi insieme, l’eredità morale, gli insegnamenti e a volte i vecchi rancori che trovano ormai riposo.
Da più di otto ore è morto Gianroberto Casaleggio, 61 anni, cofondatore del Movimento 5 Stelle, quel soggetto politico che ha fatto della democrazia 2.0, della partecipazione on line, la sua bandiera.

Nella redazione dei quotidiani continuano a giungere messaggi di cordoglio da parte degli avversari politici, mentre il ricordo dei Grillini, dai consiglieri comunali, Marcello Zenoni e Fabio Gregorelli, al consigliere regionale Dario Violi è giunta una sola nota stampa che pubblichiamo di seguito: “Questa mattina ci ha lasciati il nostro Gianroberto. Noi tutti attivisti e portavoce bergamaschi del Movimento 5 Stelle ci stringiamo attorno alla famiglia. Gianroberto ha sempre lottato a fianco a noi e non ha mai mollato, convinto che questa società si potesse cambiare in meglio e dal basso. Noi seguiremo il suo esempio e non molleremo. Ciao Gianroberto”.

Non un ricordo personale, un aneddoto, un pensiero che vada oltre le imposizioni del Movimento 5 Stelle da Roma.

Sarà paradossale ma è bastata la scomparsa del fondatore dei 5 Stelle per mostrare come la tanto libertà del movimento sia a tutti gli effetti un compatto battaglione al comando di qualcuno?
Ora si aggiunge una sola altra domanda: di chi?

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da DB

    Scusate, mi pare una polemica del tutto evitabile. “eppure i Grillini hanno un ordine da Roma: non possono esprimere il loro cordoglio”: ma chi l’ha detto?

    1. Scritto da Davide Agazzi

      Vede, cara DB, chi ha redatto questo articolo ha una risposta scritta da parte di uno dei politici bergamaschi citati che afferma tale scelta. Le può bastare? O anche lei pensa che tutti i giornalisti sono una casta cattiva contro i politici?

      1. Scritto da DB

        Buongiorno Davide, mai pensato che i giornalisti siano “una casta cattiva cobtro i politici”: non capisco i motivi di questa insinuazione. Tornando in topic: ritengo (ma non sono gioralista, dunque probabilmente mi sbaglierò) che sia compito di un giornalista argomentare le proprie affermazioni riportando le documentazioni di cui dispone, o quantomeno citandole in modo chiaro (se per qualche motivo non fosse possibile riportarle in modo integrale). Nel caso specifico, l’articolo non citava alcuno scritto che esplicitasse tale “ordine da Roma”, lasciando intendere che si trattasse di un’opinione del tutto personale dell’autore. Da qui il mio prino commento. Cordiali saluti