BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Dormire col cellulare vicino al letto? L’OMS lancia l’allarme: “Può essere pericoloso”

Dormire col cellulare acceso vicino al letto? Un’abitudine che è meglio perdere al più presto. L’hanno consigliato gli esperti dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) durante il seminario “Il mondo moderno a 150 anni dalla teoria di Maxwell. Esposizione a campi elettromagnetici, salute e sicurezza” che si è svolto all’Università di Catania, organizzato e promosso da AIAS (Associazione professionale Italiana Ambiente e Sicurezza), AEIT (Associazione Italiana di Elettrotecnica, Elettronica, Automazione, Informatica e Telecomunicazioni) e DIEEI (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e Informatica), con il patrocinio dell’Ordine degli Ingegneri della provincia di Catania, l’ASP 3 di Catania e il Collegio dei Periti Industriali.

Tante le cose importanti emerse. Ecco una sintesi degli interventi durante la conferenza:

“Si può ipotizzare che l’ambiente più protetto sia senza dubbio la camera da letto” ha spiegato il coordinatore Regionale AIAS Sicilia, l’ingegnere Sebastiano Trapani. “Lì, si presuppone la presenza di limitate fonti. Ricordatevi che la funzione stand-by non interrompe i campi elettromagnetici. Per questo motivo è meglio lasciare il cellulare in un’altra stanza”.

Ma quanto sono rischiosi i campi elettromagnetici per la salute dell’uomo? Il dottor Trapani ha commentato: “Le conoscenze scientifiche, oggi, non consentono di escludere l’esistenza di causalità tra l’esposizione a radio frequenze e le patologie tumorali quando si fa un uso molto intenso per esempio del telefono cellulare. Un certo numero di studi epidemiologici suggerisce piccoli aumenti di rischio di leucemia infantile, associati all’esposizione a campi magnetici a bassa frequenza nelle abitazioni. Però, gli scienziati non sono in genere giunti alla conclusione che questi risultati riflettano una relazione di causa ed effetto tra l’esposizione ai campi e la patologia”.

Per quanto riguarda i bambini, secondo quanto sottolineato dal Coordinatore Regionale AIAS Sicilia “va applicato il principio di precauzione, che significa l’educazione ad un utilizzo non indiscriminato ma appropriato, quindi limitato alle situazioni di vera necessità. L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) ha classificato i campi elettromagnetici come cancerogeni di gruppo 2B, ovvero come sospetti agenti cancerogeni per i quali vi è una limitata prova di cancerogenicità negli esseri umani e un’insufficiente prova di correlazione nei modelli animali”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.