BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Intesa Sanpaolo: un plafond di 30 milioni per il Consorzio Agrario

Siglato un accordo per la crescita e lo sviluppo delle imprese agricole e agroindustriali associate e clienti del Consorzio Agrario Lombardo. Oltre 600 le imprese associate nelle province di Como, Lecco, Sondrio, Bergamo.

Intesa Sanpaolo e Consorzio Agrario Lombardo, la nuova realtà consortile costituita dai Consorzi Agrari di Como, Lecco, Sondrio e Bergamo, hanno sottoscritto un accordo di collaborazione che prevede la disponibilità di un plafond dedicato fino a 30 milioni di euro, da parte del Gruppo bancario, per sostenere le iniziative e i progetti industriali delle imprese agricole aderenti e dei clienti del Consorzio.

L’accordo, firmato da Paolo Giuseppe Graziano, direttore regionale Lombardia di Intesa Sanpaolo, e dal presidente del Consorzio Agrario Lombardo Alberto Pagani, è finalizzato a creare un rapporto di partnership tra la Banca e il Consorzio, rapporto all’interno del quale Intesa Sanpaolo rivestirà il ruolo di advisor e di coordinatore delle operazioni finanziarie mettendo a disposizione presso le filiali, oltre al plafond dedicato, le competenze dei propri specialisti dedicati all’agribusiness.

In termini di supporto finanziario, Intesa Sanpaolo sosterrà, sulla base delle analisi dei bisogni delle imprese agricole, sia gli investimenti che i singoli consorziati progetteranno per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo e ammodernamento dell’impresa agricola, sia le necessità finanziarie immediate legate alla gestione del circolante.

Oltre alla disponibilità finanziaria, Intesa Sanpaolo potrà offrire agli associati del Consorzio Agrario Lombardo iniziative mirate e prodotti specifici che verranno sviluppati attraverso tavoli operativi congiunti per supportare lo sviluppo sostenibile dell’agricoltura lombarda.

L’iniziativa è la naturale conseguenza di una serie di interventi che dal 2010 Intesa Sanpaolo, e in particolare la direzione regionale Lombardia, ha attivato a favore dei Consorzi Agrari del territorio e si inserisce in un più vasto percorso di sostegno da parte del Gruppo al settore agroalimentare in tutta Italia. Intesa Sanpaolo ha infatti siglato lo scorso gennaio un accordo triennale di collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (MIPAAF) a sostegno dell’agricoltura e delle filiere agroalimentari, accordo che è stato presentato alle imprese del settore agroalimentare lombardo lo scorso 30 marzo a Milano e che prevede un plafond di 6 miliardi di euro in tre anni destinati al supporto di investimenti per un potenziale di 10 miliardi di euro.

All’agroalimentare lombardo l’accordo mette a disposizione 1,2 miliardi di euro in tre anni.

“L’accordo con il Consorzio Agrario Lombardo – afferma Paolo Giuseppe Graziano, direttore regionale Lombardia di Intesa Sanpaolo – in coerenza con quanto sottoscritto recentemente dal nostro CEO Carlo Messina con il MIPAAF, conferma l’impegno della nostra direzione regionale nell’accompagnare le imprese del settore agricolo e agroindustriale verso l’innovazione e lo sviluppo al fine di conquistare nuove quote di mercato. Qui è in primo piano il nuovo ruolo che il Consorzio Agrario Lombardo vuole assumere nell’agricoltura lombarda, un settore che il nostro Gruppo sostiene fortemente e che rappresenta per la nostra direzione regionale una quota rilevante degli impieghi”.

Per Alberto Pagani, neo Presidente del Consorzio Agrario Lombardo “l’accordo con Intesa Sanpaolo è la naturale prosecuzione di analoghi accordi stipulati da Intesa Sanpaolo con i precedenti Consorzi che consente alle imprese nostre associate e clienti di affrontare con tranquillità sia i costi di approvvigionamento presso C.A.L. che ulteriori necessità come, ad esempio, la rimozione dell’amianto dalle strutture aziendali. Come Consorzio Agrario Lombardo abbiamo inoltre deciso di aiutare ulteriormente i nostri clienti deliberando che, per gli acquisti di macchinari e attrezzature che saranno effettuati entro il 30 settembre utilizzando il finanziamento specifico di Intesa Sanpaolo, il Consorzio interverrà con un contributo a favore dell’acquirente che di fatto azzererà la quota interessi del finanziamento”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.