BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Whatsapp cripta messaggi e telefonate: ecco cosa cambia

Tutti gli utenti di Whatsapp avranno notato un’icona segnaletica a fronte di ogni chat, la quale avvisa che i messaggi inviati e le chiamate sono ora protetti da un aggiornamento dell’app che garantisce la massima sicurezza e privacy alle nostre conversazioni.

Lo ha annunciato Jan Koum, il fondatore di Whatsapp, statunitense di origine ucraina, che ha studiato per il social network un avanzato sistema di protezione virtuale.

Il risultato è una scrittura codificata in centinaia di milioni di cellulari e tablet, leggibile solamente al destinatario del messaggio e non da terze parti, che metterà un lucchetto inviolabile alle chat e allontanerà dunque il pericolo di hacker e pirati informatici. Ma il pericolo più grande da cui Koum vuole difenderci, ha spiegato, è la severa sorveglianza di regimi oppressivi e di agenzie di spionaggio come l’FBI, le quali è capitato che si introducessero nelle conversazioni a scopo di indagini private. Anche Apple aveva già agito allo stesso modo, chissà se anche Facebook prenderà misure a riguardo.

Whatsapp

Lo scopo sembra essere proprio quello di far somigliare la messaggistica istantanea sempre di più alle conversazioni a voce, dove nessuno oltre ai due interlocutori può sentire quello che si sta dicendo. “L’idea è semplice” dice Jan Koum: “quando mandi un messaggio, l’unica persona che può leggerla è la persona o il gruppo a cui lo hai mandato. Nessun altro può vedere cosa c’è nel messaggio. Non i criminali informatici. Non gli hacker. Non regimi oppressivi. Nemmeno noi. La crittografia end-to-end aiuta a rendere le comunicazioni fatte con WhatsApp private, come quelle che si fanno di persona”.

La crittografia delle chat, con tutti i contenuti audio, immagini, video e chiamate, si innesca se entrambi (o tutti, nel caso di un gruppo) i partecipanti a una conversazione hanno impostato la modalità “end-to-end”.

Per confermarla è necessario cliccare il messaggio segnaletico e seguire le istruzioni dell’app. Vi verrà chiesto di scannerizzare con la fotocamera del cellulare un codice QR sul telefono del contatto. Una volta fatto, potrete messaggiare, inviare foto e file audio in tutta sicurezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.