BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Innovare la manutenzione nell’era dell’industria 4.0: opportunità, criticità e soluzioni

UniBg apre un tavolo di discussione sulla maggiore efficienza di processi industriali e manutentivi e sul rapporto tra sistemi di automazione e Information Technology con accademici internazionali e rappresentanti delle realtà industriali e di servizi a rete. Mercoledì 6 aprile 2016 dalle 15.30 nell'Aula Magna, Sede di Sant’Agostino in piazzale Sant’Agostino, 2 a Bergamo Alta.

Davanti ai mutamenti del contesto industriale caratterizzato da forti cambiamenti sia dal punto di vista tecnologico che dei competitors presenti su un mercato globale il Convegno “Innovare la manutenzione nell’era dell’industria 4.0” promosso dal MEGMI Master Executive in Gestione della Manutenzione Industriale e in programma mercoledì 6 aprile alle 15.30 nell’aula magna dell’Università di Bergamo rappresenta un’occasione per approfondire il ruolo delle applicazioni di automazione e di information technology volte a rendere maggiormente efficienti i processi industriali e manutentivi, al fine di garantire una maggiore sicurezza, una miglior efficienza energetica e un minor impatto ambientale delle attività produttive.

Al convegno parteciperanno esponenti di rilievo sia del mondo universitario che di alcune importanti realtà industriali e di servizi a rete, tra cui ABB, Balluff Automation, Cosberg, Italcementi, Tenaris e Uniacque: un’ulteriore occasione promossa dall’Università degli Studi di Bergamo in cui aprire un tavolo di discussione su temi caldi per l’intero settore produttivo del territorio bergamasco e lombardo, che storicamente rappresentano un motore trainante per l’azienda Italiana.

Di fronte a questo scenario, una delle principali sfide che il mondo imprenditoriale affronta quotidianamente è la ricerca della continua innovazione sia nella realizzazione dei propri prodotti e/o servizi, sia per incrementare l’efficienza dei propri processi. Tra le opportunità da cogliere c’è anche l’introduzione dei dispositivi e dei paradigmi tipici dell’Industria 4.0: a partire da un’automazione sempre più spinta delle attività produttive all’adozione dell’Internet of things in cui è presente una forte integrazione informativa sia nei sistemi macchina-macchina che macchina-uomo.

La giornata ospiterà anche la cerimonia di conferimento dei diplomi della IX edizione del Master Universitario in Gestione della Manutenzione Industriale promosso dal MIP – Politecnico di Milano Graduate School of Business e da SdM – School of Management dell’Università degli Studi di Bergamo. Il Master, nel corso delle sue XI edizioni, ha formato più di 150 professionisti, provenienti da oltre 60 aziende di tutta Italia, sui temi legati alla Manutenzione e in generale alla gestione degli impianti industriali.

Interverranno:
Sergio Cavalieri – Prorettore delegato al trasferimento tecnologico, innovazione e valorizzazione della ricerca – Università degli Studi di Bergamo, Remo Morzenti Pellegrini – Rettore – Università degli Studi di Bergamo, Cristian Colace – TenarisDalmine, Adolfo Crespo – Universidad de Sevilla, Emilio D’Alessio – Uniacque, Fabio Golinelli – ABB, Marco Macchi – Politecnico di Milano, Sergio Paganelli – Balluff Automation, Fabio Previdi – Università degli Studi di Bergamo, Laura Rubini – Italcementi, Michele Tiraboschi – Università di Modena e Reggio Emilia, Gianluigi Viscardi – Cosberg.

Il Master Executive MeGMI in Gestione della Manutenzione Industriale
Il Master Executive MeGMI in Gestione della Manutenzione Industriale è una iniziativa congiunta di SdM – School of Management dell’Università degli Studi di Bergamo, e del MIP – Business School del Politecnico di Milano. Il Master, di durata biennale, si rivolge a responsabili e professionisti già operanti nell’area della manutenzione degli impianti industriali, dei sistemi infrastrutturali e di servizio, fornitori di servizi collegati.
Per tale motivo, al fine di garantire una piena compatibilità tra attività lavorativa e frequenza alle lezioni, il Master viene erogato con particolari modalità part-time ed è organizzato secondo una struttura modulare che permette alla fine del primo anno di conseguire il Diploma Executive di Gestore della Manutenzione Industriale e, al termine dell’intero percorso formativo, il titolo di Master Universitario in Gestione della Manutenzione Industriale.
Il Master può inoltre contare sulla collaborazione da parte dell’Associazione Alumni del Master MeGMI, associazione che riunisce allievi ed ex-allievi del corso (circa 150 persone) fornisce un supporto organizzativo e di docenza. Alcune aziende di primaria importanza nel panorama industriale internazionale hanno aderito e promosso sin dalla prima ora il Master universitario. Tra queste, Tenaris Dalmine, Italcementi, Brembo, SIAD e SIAD Macchine Impianti, Radici Group, Rete Ferroviaria Italiana, Heineken, Kone, ENI, Same Deutz-Fahr. In collaborazione con AICQ-SICEV a partire dal 2015 è stato attivato uno schema di certificazione per il personale di manutenzione in accordo con le linee guida espresse dalla recente norma UNI 11420.
Informazioni sul Master
http://sdm.unibg.it/corso/megmi-gestione-della-manutenzione-industriale-i-livello/

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.