BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Madone, litiga con il compagno, dà fuoco all’appartamento e si avvelena: arrestato

I carabinieri di Brembate hanno tratto in arresto un 23enne di origini brasiliane, pregiudicato e irregolare sul territorio, per incendio doloso aggravato

E’ scattato un arresto per l’incendio scoppiato nella serata di sabato 2 aprile a Madone, in via Croce, nel pieno centro del paese.

All’ospedale Papa Giovanni di Bergamo i carabinieri di Brembate hanno tratto in arresto un 23enne di origini brasiliane, pregiudicato e irregolare sul territorio, per incendio doloso aggravato.

L’uomo, a seguito di un litigio con il compagno convivente, ha dato fuoco all’appartamento di Madone in cui abitava. Le fiamme hanno completamente devastato l’abitazione in cui vivevano i due transessuali.

La centrale operativa dei vigili del fuoco ha inviato sul posto le squadre di Treviglio, Dalmine, Madone e Bergamo con autoscala, Aps e autobotte. I pompieri sono saliti all’ultimo piano e sono entrati nell’appartamento attraverso la scala e hanno sedato le fiamme.

Il transessuale che ha appiccato il fuoco, successivamente ha anche tentato di avvelenarsi ingerendo alcuni barbiturici.

Trasportato al nosocomio di Bergamo, è stato ricoverato nel reparto psichiatrico in stato di arresto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.