BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La “Rinascita Municipale Bergamasca”: si celebrano i 70 anni dalla prima seduta

a “Rinascita Municipale Bergamasca”: alle 17.45 di lunedì 4 aprile un consiglio comunale celebra i 70 anni dalla prima seduta a suffragio universale.

La “Rinascita Municipale Bergamasca”: alle 17.45 di lunedì 4 aprile un consiglio comunale celebra i 70 anni dalla prima seduta a suffragio universale.

Marzia Marchesi, presidente del Consiglio Comunale, ricorda alcuni numeri: “In questi settant’anni si sono succeduti 469 amministratori, fra questi undici sindaci tutti maschi, 12 vicesindaci di una donna. 277 amministratori sono stati rieletti almeno una volta. La persona che è rimasta più tempo all’interno del consiglio comunale è Franco Tentorio, già sindaco di Bergamo che siede ininterrottamente tra questi banchi dal 1970 e a fine legislatura saranno 49 anni”.

Un applauso ha salutato Franco Tentorio seduto tra i banchi dell’opposizione.
Alcuni consiglieri comunali leggono brani dell’avvocato Antonio Cavalli, che il 3 aprile 1946 era il sindaco uscente che quel giorno dichiara: “Nella nostra Città, dopo il periodo fascista, le prime elezioni effettuate furono amministrative e si svolsero il 24 marzo 1946: non furono soltanto elezioni ‘libere’, ma anche le prime che, nella secolare storia nazionale, si effettuarono a ‘ suffragio universale’ cioè con la partecipazione di tutti i cittadini, uomini e donne” spiega la Presidente del Consiglio Comunale Marzia Marchesi”.

Bergamo in quella primavera 1946 contava 103.255 abitanti: gli elettori iscritti nelle liste elettorali erano 62.688, i votanti furono 51.149 e le schede valide risultarono 49.464; i risultati definitivi furono i seguenti: Democrazia Cristiana 26.580 (53,7%); Partito Socialista 13.475 (27,2%); Partito Comunista 4.090 (8,2%); Partito Liberale 1.955 (3,9%); Indipendenti 1.424 (2,9%) ; Democratici Repubblicani 1.276 (2,8%); Reduci 664 (1,3%).
Di conseguenza i 40 seggi del Consiglio comunale vennero così assegnati:Democrazia Cristiana 23 ; Partito Socialista 11; Partito Comunista 3 ; Partito Liberale 1; Indipendenti 1, Democratico Repubblicani 1.

Il giorno successivo fu di attesa per i nomi dei nuovi Consiglieri: lo spoglio delle schede non fu semplice e la Commissione elettorale lavorò dalla mattina alle 8 fino a poco prima della mezzanotte e solo il mattino successivo i nomi vennero resi noti.

Risultarono eletti:
1 – Galmozzi Ferruccio, 28.293;
2 – Cavalli Antonio, 27.475;
3 – Belotti Giuseppe, 27.408;
4 – Ciocca Luigi, 27.216;
5 – Ambiveri Elisabetta, 27.183;
6 – Vismara Agostino, 26.908;
7 – Zonca Giovanni, 26.907;
8 – Minelli Spartaco, 26.866;
9 – Fumagalli G. Battista, 26.818;
10 – Vigliani Carlo, 26.812;
11 – Pandini Giovanni, 26.761;
12 – Zambetti Enzo, 26.760;
13 – Vavassori Severo, 26.704;
14 – Vicentini Rodolfo, 26.686;
15 – Fornoni Dante, 26.678;
16 – Giavazzi Giannina, 26.638;
17 – Pizzini Cristoforo, 26.636;
18 – Maj Gianfranco,26.625;
19 – Nosari Pietro, 26.625;
20 – Locatelli Giuseppe, 26.620;
21 – Bianchi Alessandro, 26.606;
22 – Maffioletti Angelo, 26.579;
23 – Berzi Carlo, 26.578;
24 – Zilocchi Carlo, 15.829;
25 – Tiraboschi Alessandro, 13.887;
26 – Zampese Dino Giocondo, 13.887;
27 – Moretti Giulio, 13.857;
28 – Anelli Alberto, 13.837;
29 – Piccinini Aristide, 13.789;
30 – Bonafous Cesare, 13.670;
31 – Frizzoni Ugo, 13.591;
32 – Arnoldi Luigi, 13.554;
33 – Cisani Ottavio, 13.548;
34 – Masseroni Giovanni, 13.546;
35 – Tulli Ettore, 4.851;
36 – Petrolini Roberto, 4.629;
37 – Graff Gianni, 4.449;
38 – Locatelli Milesi Sereno, 2.408;
39 – Zambetti Achille, 1.559;
40 – Zanetti Pier Bernardino, 1.366.

consiglio comunale 70°

Conclusa queste prime ed impegnative operazioni, ed in attesa della convocazione del Consiglio Comunale, le discussioni, nei partiti politici e tra i cittadini, si concentrarono sul nome del possibile nuovo Sindaco, dal momento che l’avvocato Cavalli, il ‘Sindaco della Liberazione‘ ancora in carica, aveva pubblicamente dichiarato di non voler replicare l’esperienza. Nell’ambito dei partiti, comunque, si dava quasi per certo il nome del dottor Ferruccio Galmozzi, esponente di spicco della Democrazia Cristiana. Medico e primario nell’ospedale cittadino, Galmozzi era un uomo molto conosciuto ed apprezzato, sia come medico che come politico; inoltre era il candidato che aveva ricevuto il maggior numero di preferenze.

Galmozzi, che era stato un esponente del Partito Popolare Italiano nel periodo pre-fascista, fu un amministratore cittadino già prima dell’avvento del regime: in particolare fu un membro di quella maggioranza del Partito Popolare che, nel 1923, dopo la nomina di Benito Mussolini a Capo del Governo, dovette subire le pesanti ingerenze dei fascisti nella vita politica locale, ingerenze che fecero loro capire che ormai “… non c’era più la certezza di poter assolvere il proprio mandato con dignità e con la necessaria libertà di azione…” (come dichiarò il Sindaco, l’on. Paolo Bonomi ) per cui tutti dettero le dimissioni: questa radicale decisione portò allo scioglimento del Consiglio comunale ed alla nomina di un Commissario prefettizio, il dottor Alfredo Franceschelli.

Le elezioni successive, che si tennero nel dicembre del 1925, si tennero su ‘lista unica’ ed all’inizio del 1926, poi, anche questo Consiglio venne sciolto dando inizio così il periodo podestarile, che si concluderà solo nell’aprile del 1945: in questo arco di tempo ad amministrare la Città ci sarà un Podestà di nomina Regia coadiuvato da una Consulta Municipale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.