BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

Lovere, inaugurato un nuovo percorso sul lungolago

Sabato 2 Aprile è stata intitolata alla memoria della scrittrice Lady Mary Wortley Montagu la nuova promenade ad opera dello studio De8 architetti: praticamente, un nuovo percorso sul lungolago.

“Mi trovo ora nel luogo più amabilmente romantico che abbia mai visto in vita mia”, disse Lady Mary Wortley Montagu a proposito di Lovere.

Alla memoria della scrittrice inglese è stata intitolata sabato 2 Aprile la nuova promenade ad opera dello studio De8 architetti: praticamente, un nuovo percorso sul lungolago.

“Il progetto è un’occasione per riflettere sulle potenzialità degli spazi pubblici contemporanei – spiegano i progettisti, guidati dall’architetto Mauro Piantelli -. Al posto di una semplice “duplicazione“ del lungolago, di un ampliamento del bordo, il progetto prevede l’ibridazione della maglia urbana del tessuto tardo rinascimentale con il bordo stesso del lago. Ne nasce un nuovo “luogo” che si affianca alla promenade esistente per divenire successivamente un vero percorso sull’acqua; si discosta dal carattere “formale” pre-esistente, traducendo in forma più “ludica” una modalità d’uso più ampia. E’ un luogo da percorrere così come un luogo in cui stare, incontrare, rimirare. Attraverso un percorso discontinuo il fruitore s’inoltra verso l’acqua per poi ritornare sul bordo potendo leggere l’abitato da nuove prospettive. Lo sviluppo discontinuo planimetrico della passerella si riflette anche in verticale con le 2 “piazze” ribassate: per gran parte dell’anno a “pelo” d’acqua, e sommerse per brevi periodi, le 2 “piazze “evidenziano una delle caratteristiche del lago, l’escursione controllata del livello dell’acqua (1,40 m). Il lago, in questi punti, si può toccare. La struttura della nuova promenade è una metafora dei vecchi pali in legno utilizzati per l’approdo delle barche. Una struttura apparentemente “disordinata” e irregolare. Appena ultimata, la nuova promenade è diventata immediatamente familiare sia agli abitanti che ai turisti. E’ un vero luogo, inaspettato e sorprendente; anche chi deve semplicemente percorrere questo tratto pedonale, sceglie di utilizzare il percorso, più lungo, della passerella. E’ una sorta di landmark, riconoscibile e ospitale. Oggi è uno dei luoghi più vissuti del borgo storico.

Il progetto è stato selezionato al “2016 European Prize for Urban Public Space” del Centre of Contemporary Culture of Barcelona, di cui il prossimo giugno saranno pubblicati i risultati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.