BergamoNews.it - Quotidiano online di Bergamo e Provincia

“Favori alla figlia del magistrato con la Gdf di Bergamo”: finanziere condannato

Secondo l'accusa, Cretella avrebbe ottenuto da un giudice del Consiglio di Stato una serie d'informazioni: in cambio si sarebbe mosso con i colleghi della Gdf di Bergamo in favore della figlia del magistrato

Più informazioni su

Per l’accusa di corruzione, il generale di divisione della Guardia di Finanza, Walter Lombardo Cretella, è stato condannato a Roma a 8 mesi di reclusione.

La sentenza è stata emessa dalla VIII sezione del tribunale capitolino, presieduta da Marcello Liotta, che ha condannato l’ufficiale anche a un anno di interdizione dai pubblici uffici.

Secondo l’accusa, Cretella avrebbe ottenuto da un giudice del Consiglio di Stato (già condannato in abbreviato), tra il dicembre 2012 e il gennaio 2013, una serie d’informazioni relative a un procedimento disciplinare che poteva costargli l’avanzamento di carriera e su un contenzioso amministrativo.

In cambio delle notizie, l’ufficiale si sarebbe mosso con i colleghi della Gdf di Bergamo in favore della figlia del magistrato, anche lei ufficiale della finanza, per avanzare di carriera.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il polemico

    addirittura un generale di divisione….si può dire che sopra di lui rimangono solo 2 altri grandi gradi.e poi si continua a dire di fidarsi delle istituzioni,prima la ministro che fa un emendamento ad personam per il fidanzato aiutato da un’altra ministro che precedentemente ha aiutato con il governo, la banca del padre in difficoltà,ora questo.e noi ocntinuiamo a subire….