BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gigi Pizzaballa, l’introvabile: “Milan fallimentare, l’Atalanta lo deve battere”

Il portierone bergamasco è sicuro: "Dopo la vittoria col Bologna nerazzurri carichi di entusiasmo. Ma speriamo che Bonaventura si prenda una camomilla"

“Il Milan sta peggio di noi, ha fallito i suoi obiettivi. L’Atalanta è più o meno in linea, secondo me rischia di più il Milan, ma speriamo che Bonaventura prenda una camomilla”.

Parla Gigi Pizzaballa, il doppio ex della sfida fra Atalanta e Milan: il portiere che con la maglia nerazzurra ha conquistato la Coppa Italia nel 1963, ha esordito con l’Atalanta a 19 anni e ha concluso la carriera a 40. E Atalanta-Milan è anche il confronto tra il “nostro” Marco Sportiello, ancora giovane (24 anni a maggio) e già al secondo campionato di A e il baby Gigio Donnarumma, appena 17 anni. Chi meglio di Pizzaballa può giudicare i due estremi?

Promossi entrambi… “Sportiello al secondo anno in A si sta confermando, ha mantenuto un buon livello di rendimento, fa pochi errori, mi piace perché è regolare, un portiere che dà affidamento. D’accordo, anche lui fa qualche errore ma fa parte del gioco. E’ un giocatore che dà garanzie, il periodo peggiore della squadra non lo si deve certo a lui, anzi con qualche intervento ha evitato il peggio. In tempi in cui si punta molto su portieri stranieri, Sportiello mi sembra uno da tenere stretto”.

L’esplosione di Donnarumma? “Beh di un ragazzo di 17 anni non si può che parlare bene: ha l’età, la struttura fisica, gioca a Milano…ha tutto, grandi capacità e qualità. Sta ricalcando un po’ le orme di Buffon e speriamo davvero che faccia come lui, perché Buffon non può essere eterno. Certo, il difficile però arriva adesso, perché il ragazzo deve confermarsi e trovare continuità. Sportiello al secondo anno ha dimostrato di poterci stare in A: si parla tanto di Perin come vice-Buffon, ma secondo me non è superiore a Sportiello, purtroppo il nostro per entrare nel giro azzurro dovrebbe giocare le coppe o arrivare in una grande società. Donnarumma qualche sfarfallata la fa, ma poi sono errori dovuti all’età, non puoi neanche fargli chissà quali critiche. Ora bisognerà vedere e… se dovesse andare in Inghilterra? Io dico che fra due o tre anni tornerebbe qui, in serie A”.

Tornando alla partita, sarà un’altra Atalanta dopo la vittoria sul Bologna? “La vittoria ha dato un po’ più di tranquillità, a qualcosa è servita. Io credo che quando sono arrivate le prime sconfitte nella squadra sia subentrata un po’ di paura, che ha tolto lucidità e sicurezza. Ma è stato giusto confermare Reja, ormai si era a tre quarti della salvezza, solo una sconfitta col Bologna poteva far saltare tutto, ma la squadra si è… rimessa in riga”.

E ha ritrovato Diamanti, Gomez. “Diamanti può dare la svolta a questo finale di campionato: ha vivacizzato l’attacco, può fare la differenza, così come Gomez. Aspettiamo ancora Pinilla, ha fatto due gol col Cile? Ne avesse tenuto uno per domenica…”, ride Pizzaballa, che aggiunge: “Però credo che sia meglio continuare con Pinilla, l’allenatore lo conosce, sa quel che può dare. Mi sembra difficile recuperare Borriello, mi lascia qualche dubbio. Avesse trovato il gol subito, l’entusiasmo che serviva per ripartire sarebbe stato diverso”.

Tre anni nel Milan ai tempi di Rivera (dal 1973 al 76) ma, precisa Pizzaballa, “naturalmente tifo Atalanta, non ho grandi ricordi con i rossoneri, io sono bergamasco e il mio cuore è legato all’Atalanta. Questo Milan? Una delusione, non tanto per colpa della squadra o dell’allenatore, ma è la società che deve ripensare alle scelte che ha fatto: per fare una grande squadra e poter inseguire certi obiettivi serve più qualità, che questo Milan non ha. E nella partita di domenica correrà qualche rischio, l’Atalanta potrebbe approfittarne. Vero che non è salva ma ormai manca poco”.

Insomma, Pizzaballa, Atalanta-Milan è nelle mani di Sportiello e Donnarumma? “Può darsi, potrebbero decidere loro con le loro parate”, poi il pensiero va alla doppietta di Jack l’anno scorso a fine campionato (3-1 per i rossoneri) e Pizzaballa mette le mani avanti: “Speriamo che Bonaventura prenda una camomilla”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.