BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nella nebbia del Monte Pora Thaler è il re dello Slalom Speciale

Dopo i titoli tricolore di martedì a Riccardo Tonetti (atleta delle Fiamme Gialle neo campione di Gigante) e a Irene Curtoni (campionessa di Slalom Speciale) – titoli assegnati su un Monte Pora baciato dal sole -, mercoledì condizioni meteo davvero difficili. Pioggia e scarsa visibilità hanno fermato il Gigante ma non il grande show dello Speciale: il veterano azzurro Patrick Thaler (Carabinieri), classe 1978, è il nuovo campione tricolore di Slalom Speciale.

Il 38enne di Sarentino si è imposto con un tempo di 1:25.19 su Cristian Deville (Fiamme Gialle), secondo con 1:25.34 e su Tommaso Sala (Fiamme Oro) che conquista il terzo gradino del podio con un tempo di 1:25.46. Quarta e quinta posizione rispettivamente a Manfred Moelgg delle Fiamme Gialle (1:25.71) e Fabian Bacher (1:25.79). Ai cinque azzurri, in ricordo e onore del campione Fausto Radici (imprenditore e grande sportivo che nel 1974 vinse proprio i Campionati Assoluti di Sci Alpino) assegnato il Trofeo Yes Zee (primi 5 migliori piazzamenti nella classifica Assoluta).

Chiara delusione per il Gigante, ma la soddisfazione per la due giorni è stata davvero tanta da parte di tutta la macchina organizzativa. “Oggi abbiamo tenuto duro fino alla fine per garantire buone condizioni alla pista – ha commentato Ernesto Borsatti vicepresidente e Direttore agonistico dello Sci Club Radici Group – e gli sforzi sono stati ripagati. Per il Gigante sono mancate le condizioni in termini di visibilità, nebbia fitta soprattutto nel tratto iniziale del tracciato. Con lo Speciale invece ce l’abbiamo fatta. La pista ha tenuto, siamo riusciti a garantire una competizione di altissimo livello in entrambe le giornate di questi Campionati italiani. E questo è stato possibile grazie ad un duro lavoro da parte di tutto il nostro staff tecnico, dei volontari e dei tanti sci club bergamaschi coinvolti nell’evento. Grazie davvero, a tutti”.

“Aver portato i Campionati Italiani sulle nostre nevi è motivo d’orgoglio per me – ha affermato Olga Zambaiti Radici, presidente dello Sci Club Radici Group – un orgoglio per certi versi superiore a quello provato in occasione dell’organizzazione di gare di Coppa Europa. Sono eventi ugualmente importanti, questo è chiaro, ma ieri e oggi abbiamo portato al Pora le nostre stelle tricolore, i campioni di casa nostra. Atleti che si impongono in competizioni di rilievo mondiale e che portano lustro allo sci italiano. Si chiama sano patriottismo, si chiama amore per uno sport che è motore di vita”.

Numerosi i ringraziamenti di Olga Radici. Da quelli rivolti agli sponsor, allo staff tecnico dello Sci Club Radici Group, ai tanti volontari, le istituzioni, i rappresentanti FIS e FISI, la stazione sciistica Monte Pora.

Sempre in onore di Fausto Radici, sono stati premiati:
– i primi tre migliori piazzamenti nella Categoria Giovani: 1- Tommaso Sala (1:25.46); 2- Hans Vaccari (1:26.03); 3- Simon Maurberger (1:26.30);
– i primi tre migliori piazzamenti nella Categoria Aspiranti: 1- Pietro Canzio (1:27.52); 2- Alex Vinatzer (1:30.49); 3- Andrea Zampolini (1:32.39).

LE PREMIAZIONI DEL CIRCUITO GRAND PRIX ITALIA
Al termine delle premiazioni ufficiali di questa seconda giornata di Italiani Assoluti al Monte Pora, protagonista il Circuito Grand Prix Italia che ha visto la FISI assegnare i riconoscimenti per la stagione 2015-2016 alle migliori giovani atlete italiane (categorie Aspiranti e Junior – Discipline veloci, Gigante, Slalom Speciale, Classifica Generale) e ai giovani Aspiranti maschi.

Un riconoscimento importante questo, poiché consentirà ai primi classificati di guadagnarsi un posto in Nazionale. E Roberta Melesi (Fiamme Oro) è proprio tra le vincitrici del Grand Prix: prima nella categoria Junior e nella classifica generale, l’ex radicina volerà in Nazionale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.