BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tragedia di Pasqua a Mapello, scontro auto-moto: un morto e 5 feriti foto

Il conducente della Panda sarebbe il primo indagato in provincia di Bergamo per la nuova legge che ha introdotto il reato di omicidio stradale

Un morto e cinque feriti. E’ il drammatico bilancio dell’incidente stradale che si è verificato nel giorno di Pasqua, domenica 27 marzo, a Mapello.

Ancora da chiarire l’esatta dinamica. Secondo le prime informazioni, un 54enne di Sedrina, Mauro Filippi Pioppi, che viaggiava in sella alla sua Moto Guzzi 1000 con a bordo la moglie 55enne, si è schiantato contro una Fiat Panda guidata da un 22enne originario della Costa d’Avorio e residente a Cisano, che avrebbe invaso la corsia opposta.

Il drammatico schianto, che non ha lasciato scampo al motociclista, si è verificato all’altezza della deviazione per Presezzo, in un punto in cui l’Asse interurbano ha una corsia per senso di marcia.

Mauro Filippi Pioppi, che viaggiava in direzione di Mapello, è stato sbalzato a terra. Inutili i tentativi di rianimarlo da parte del personale medico intervenuto: l’uomo è morto sotto gli occhi della moglie. La donna è stata trasportata sotto choc in ospedale: le sue condizioni non sarebbero gravi.

Feriti, in modo lieve, anche il conducente dell’auto, una donna e due bambini che erano a bordo della vettura.

Secondo la polizia stradale di Bergamo il 22enne, a causa di alcune violazioni del codice della strada, è il primo indagato in provincia di Bergamo per la nuova legge che ha introdotto il reato di omicidio stradale, entrata in vigore da un paio di giorni.

 

La scomparsa di Mauro Filippi Pioppi addolora anche la redazione di Bergamonews. Mauro ci aveva aiutati e ci avrebbe seguito con il suo supporto tecnico per raccontare a voi lettori l’impresa che il dottor Sergio Accardi (leggi qui) si appresta ad intraprendere lunedì 28 marzo. 

Il suo spirito di disponibilità e la sua attenzione agli altri non scompaiono ma restano di esempio.
Ai famigliari e agli amici di Mauro si unisce il dolore della nostra redazione.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.