BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Stazione di Palazzolo, 20enne di Valbrembo picchiata e derubata

Attimi di terrore nella serata di venerdì 18 marzo per la ragazza: una volta tramortita, i due uomini le hanno rubato il cellulare e il portafoglio.

Più informazioni su

Aggredita da due uomini e derubata di telefono e portafoglio. Attimi di terrore nella serata di venerdì 18 marzo per una 20enne di Valbrembo.

La ragazza, scesa dal treno alla stazione di Palazzolo sull’Oglio (Brescia), ha percorso il vialetto che porta all’uscita.

Poco prima di raggiungere la bicicletta che aveva lasciato posteggiata e tornare a casa, è stata raggiunta da due uomini che l’hanno accerchiata, prima di minacciarla e poi colpirla con un pugno in faccia.

Una volta tramortita la ragazza, i due uomini le hanno rubato il telefono cellulare e il portafoglio. I rapinatori si sono quindi dileguati.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Palazzolo, che hanno avviato le indagini.

Un episodio simile a quello accaduto a Cassano d’Adda (Milano), a distanza di sole 24 ore, dove un rumeno di 32 anni, M.V. ha aggredito con un martello e rapinato della borsetta con cellulare e 15 euro una 22enne bergamasca sul treno Treviglio-Milano (Leggi qui gli ultimi aggiornamenti).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Patrizio

    Credo che mettere videocamere sia un ottima cosa.
    Chi si lamenta delle videocamere per questione di privaci hanno qualcosa da nascondere o sono i possibili delinquenti.
    Si potrebbero affiancare persone in cassa integrazione alle forze dell’ordine per controllare anche treni e stazioni, magari in borghese armati di telefonino per chiamare polizia e carabinieri. So che la burocrazia non lo permette. Fate qualcosa , non cambia mai niente vuol dire che si fa troppo poco.