BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lega: presidio contro le moschee, Comune e Provincia in piazza per le vittime

Due momenti distinti: alle 20 in via San Fermo il presidio della Lega Nord contro le moschee, alle 21 in piazza Vittorio Veneto Comune di Bergamo e Provincia di Bergamo invitano tutti i cittadini con una candela per commemorare le vittime degli attentati terroristici di Bruxelles.

Per le 21 di martedì 22 marzo il Comune di Bergamo e la Provincia di Bergamo promuovono un momento di raccoglimento in piazza Vittorio Veneto, senza bandiere o discorsi per commemorare le vittime degli attentati terroristici di Bruxelles. Ogni partecipante è invitato dalle due istituzioni cittadine a portare una candela.

Se Comune e Provincia di Bergamo promuovo uno momento di raccoglimento, la Lega Nord risponde con un presidio alle 20 in via San Fermo a Bergamo.
“Siamo in guerra e quindi dobbiamo difenderci! Basta con il buonismo e il collaborazionismo con chi massacra gli infedeli (ovvero noi) in nome di Allah – si legge in una nota diramata dalla Lega Nord Bergamo -. Possibile che chi continua a insistere per riempire le nostre città di moschee o chi si vanta di dare spazi cristiani per le preghiere degli imam non riesce a capire che sta sostenendo coloro che professano la fine dei cristiani e dell’Occidente?

La Lega Nord di Bergamo scende in piazza dalle 20 con un presidio in via San Fermo, angolo via Serassi a Bergamo, davanti all’ingresso del futuro centro islamico per dire basta moschee e basta stragi e per dare un segno di solidarietà alle vittime innocenti di Bruxelles.

“Chi si illude che l’Isis colpisce solo in Francia e Belgio si sbaglia di grosso. Anche l’Italia e pure la piccola Bergamo non sono una zona franca, come dimostrano le prediche alla Celadina e a Zingonia di pericolosi imam integralisti. Il sindaco Gori e il suo assessore all’islam – dichiara il segretario provinciale della Lega Nord di Bergamo Daniele Belotti – ora dicano una parola sui finanziamenti del Qatar per la nuova moschea, soldi che sono sporchi del sangue versato dai tagliagole dell’Isis. E’ ora che PalaFrizzoni la smetta di inchinarsi a La Mecca; gli islamici di via Cenisio non si sono dimostrati credibili, quindi non sono persone affidabili. Chi ci si assicura che dal Qatar, dopo aver investito 5 milioni di euro, non impongano una linea islamica radicale che fomenta odio verso i cristiani e gli europei?”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.