BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il pm Di Martino continua a cercare prove: “Le scommesse di Doni servivano all’Atalanta”

La lotta al calcioscommesse a Cremona è tutt’altro che finita. E il procuratore di Cremona Roberto Di Martino continua il suo lavoro.

Lui, tenace accusatore del mondo del calcio ormai da cinque anni, è ancora oggi convinto che le scommesse organizzate da Cristiano Doni, all’epoca capitano e uomo-simbolo del club nerazzurro, fossero in qualche modo uno strumento usato anche a favore dell’Atalanta, magari con la complicità dei vertici societari.

Di Martino questa tesi l’ha ribadita lunedì 21 marzo durante l’udienza preliminare, chiedendo il rinvio a giudizio per gli 80 imputati che non hanno chiesto né il rito abbreviato né il patteggiamento. Tra loro, appunto, figura anche Cristiano Doni. “L’allora capitano dell’Atalanta, accanito scommettitore — sono state le parole di Di Martino —, ha agito per favorire se stesso e l’Atalanta”.

Le carte processuali, però, dicono ben altro: l’Atalanta, secondo queste, non solo non sarebbe coinvolta nelle combine, ma sarebbe parte lesa. E, infatti, il club di Percassi parteciperà al processo di Cremona come parte civile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.