BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Mi licenzio e parto”, inizia il sogno di Gianluca: girare il mondo in mille giorni

Gianluca Maffeis, 26enne di Osio Sotto ha lanciato la sua personalissima sfida: mettere piede in tutti i continenti senza viaggiare su aerei (e nemmeno mongolfiere)

Girare il mondo in 1000 giorni. Non saranno 80, ma si sa: chi va piano va sano e va lontano. Come Gianluca Maffeis, 26enne di Osio Sotto che ha lanciato la sua personalissima sfida: mettere piede in tutti i continenti senza viaggiare su aerei (e nemmeno mongolfiere).

“Quando ho iniziato a pensare a come potevo cominciare a dare forma a questa mia avventura ho scritto su un foglio i posti che ho sempre sognato di raggiungere”, ha scritto Gianluca sulla pagina Facebook Operazione Giro del Mondo/ Operation Around the World , dove potrete seguire passo dopo passo le tappe della sua avventura. “Non mi importava se fossero a 10,100,1000 o 10000 chilometri di distanza. Una volta terminata questa lista ho iniziato a collegare queste mete ed è così che è iniziato a nascere il mio itinierario”.

9000 chilometri attraversando 11 stati, da Marzo ad Agosto. “La prima tappa è il Cammino Di Santiago De Compostela, 800km che percorrerò a piedi seguendo il percorso francese. Il viaggio continuerà poi risalendo l’Europa e puntando a Nord, più precisamente Capo Nord, in Norvegia”.

Il viaggio del supertramp orobico è stato programmato nel dettaglio, comprese vaccinazioni, coperture assicurative e badget economico. Un viaggio che il venticinquenne finanzierà con quanto risparmiato durante gli anni da pizzaiolo nel locale “La bergamasca” di Osio Sotto: “Ho deciso di licenziarmi e fare il giro del mondo senza aerei ed in solitaria. O quantomeno ci voglio provare. Ho deciso di dare finalmente vita a questo grande sogno che sto inseguendo da tempo ed a cui ho dedicato i miei ultimi anni facendo tanti sacrifici. Zaino in spalla e con una durata minima di 1000 giorni proverò a toccare tutti i continenti senza prendere un aereo e cercando di spendere il meno possibile. Documenterò con foto e video il mio percorso, in modo da poter condividere la mia storia con qualsiasi persona fosse interessata”.

E allora, non resta che augurargli una cosa: bon voyage, Gianluca.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.