BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Salvini scarica Berlusconi a Roma, Sorte e Saita : “Ma in Lombardia lavoriamo bene”

Matteo Salvini (Lega Nord) scarica l'alleato di sempre, Silvio Berlusconi (Forza Italia), che a Roma ha candidato Bertolaso. Una rottura che pesa? Per ora gli esponenti del Carroccio e azzurri in Lombardia vanno avanti tranquilli, almeno a parole.

L’asse Lega Nord-Forza Italia che amministra la Regione Lombardia regge? La domanda è d’obbligo dopo che Matteo Salvini, il segretario della Lega Nord, scarica l’alleato di sempre, Silvio Berlusconi e Forza Italia che a Roma ha deciso di sostenere Guido Bertolaso, mentre il segretario del Carroccio ha deciso di lanciare Giorgia Meloni a sindaco della capitale.

A Roma divisi, a Milano uniti. Uno strabismo politico che si concentra sul Pirellone. Ma che posizione hanno i bergamaschi che contano negli equilibri dell’asse Lega Nord-Forza Italia? È presto detto: “A Roma è diverso”.

E alle domande precise si decide di conquistare terreno in larghezza nelle risposte. “Sono impegnata sul sociale e sulla riforma della sanità” risponde subito Silvana Saita Santisi, consigliere regionale della Lega Nord. Poi aggiunge: “Certo che da donna, l’infelice battuta sulla Meloni mamma che non potrebbe fare anche il sindaco di Roma dimostra che siamo una società maschilista”.

Quindi appoggiamo la linea Salvini? “La ministra Beatrice Lorenzin ha avuto due gemelli ed ha continuato benissimo a guidare un Ministero come quello della salute, la battuta alla Meloni dovrebbe aprire di nuovo il dibattito sulla conciliazione tra famiglia e lavoro”.

Curva larghissima, ma basta sterzare un po’ e quasi ci siamo: dunque, il nuovo corso della Lega di Salvini mette a rischio le alleanze in Regione e quindi Maroni? “Sono funzionali l’uno all’altro, Salvini batte strade nuove, cerca di innestare saperi ed entusiasmi nuovi, Maroni è più pragmatico: ha i piedi ben saldi a terra, punta a governare bene” risponde Saita. Infine, stretta all’angolo ammette “che Forza Italia non spaccherà l’alleanza al Pirellone, hanno avuto e ricoprono cariche importanti. Da soli non andrebbero da nessuna parte, meglio pensare a governare bene e per questo credo l’alleanza con loro reggerà”.

Per Alessandro Sorte, (Popolo delle Libertà), assessore regionale alle Strutture e alla Mobilità, le alleanze di Roma non pesano in Lombardia. Stiamo facendo una politica che ci piace che è quella del fare – afferma Sorte – i risultati sul territorio bergamasco siamo visibili, è il Centro destra che vince e che fa. Non mi interessano le polemiche e le ipotesi di scenari futuri. I fatti dicono che la provincia di Bergamo non è mia contata tanto come oggi in Regione. Noi governiamo bene con la Lega, nei Comuni ognuno ha le proprie sensibilità. Anzi, Bergamo è persino anticipatore di un modello positivo di buona politica, in cui è possibile mettere insieme anime diverse per il bene dei cittadini e del territorio. Per quanto riguarda il governo della Regione Lombardia le polemiche stanno a zero, Maroni è garante di un’alleanza che regge e dà ottimi risultati”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.