BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta: ancora quattro punti sulla terzultima, non è disastro ma…

Più informazioni su

Gira la ruota. Quando, tre mesi e mezzo fa, Roberto Donadoni fu chiamato sulla panchina del Bologna a sostituire Delio Rossi, forse pochi avrebbero scommesso sulla salvezza dei rossoblù. Che erano terzultimi con 9 punti, alle spalle solo Verona e Carpi con 6. Davanti il Frosinone a 10, Empoli e Palermo a 11, l’Atalanta era ottava con 17 punti, a due passi dall’Europa.

Il Bologna trovò sulla sua strada l’Atalanta e improvvisamente si risollevò: dopo un primo tempo da tremarella, grazie anche agli errori dei nerazzurri gli emiliani dilagarono con Giaccherini, Destro e l’ex Brienza. E poi presero una marcia da Champions, 27 punti contro i 13 dell’Atalanta.

La ruota gira e nessuno avrebbe immaginato che le parti si sarebbero rovesciate: perché domenica sarà Edy Reja a chiedere strada ai rossoblù, che per un anno il tecnico goriziano ha anche allenato (nel 1993-94 in C1). L’Atalanta ha fame di gol e di punti e, salvo sconvolgimenti nelle prossime ore e giorni, dovrebbe toccare ancora a Reja il compito di guidare la squadra per dare un calcio alla crisi, magari risvegliando dal letargo l’ex più atteso, Diamanti (gli altri, Donadoni, Brienza, hanno già inciso all’andata per gli emiliani), in quella che sta diventando una stagione paradossale: una cavalcata esaltante all’andata, una marcia deprimente come i gamberi al ritorno.

Anche i pronostici più ottimistici saltano come birilli. Vai a Roma ad affrontare la Lazio stanca e in formato gran riserva? Figurati se almeno non si pareggia, anzi vedrai che ci prendiamo i tre punti. Come no? Ci portiamo invece a casa un palo che evoca ricordi poco piacevoli e chi lo colpisce, D’Alessandro, è tra i pochi che ci provano fino all’ultimo.

Ma l’Atalanta non fa gol e nel secondo tempo si squaglia, facendo risorgere anche il trentasettenne Miro Klose,  certo non uno scarso, tutt’altro, però non segnava da nove mesi… I nostri? Un tempo per uno, Pinilla e Borriello e zero gol, una gomitata non rilevata al volto per il cileno e qualche tentativo a vuoto per l’ex genoano. Diamanti? Venti minuti o giù di lì, impalpabile, come l’altro nuovo Gakpè. Gli altri acquisti di gennaio? Freuler in panchina, non pervenuto l’altro svizzero Djimsiti.

Ecco, la crisi nerazzurra è evidente anche lì, nel contributo dei nuovi, per ora quasi inesistente o comunque ai minimi termini. Nel frattempo sono calati i vecchi, o speravamo tanto da loro ma la pausa continua, vedi Gomez tornato in campo all’Olimpico. Però era solo la controfigura del Papu. E Reja tutta la partita a urlargli: “Vai dentro, taglia…”. Il numero dieci all’inizio avrà anche un po’ spaventato i difensori di riserva di Pioli, poi però gli hanno preso le misure e l’hanno bloccato.

Così ad un certo punto anche Paletta che sembrava il baluardo insormontabile ha ceduto assieme a Toloi e la Lazio, che quasi non ci credeva più, ha fatto festa.

E adesso? Reja è lì sul filo, dopo 14 partite senza vittorie è inevitabile, anche se l’Atalanta mantiene quattro punti di vantaggio sulla terzultima, anche se Percassi non si è sbilanciato come Pozzo che a Udine ha virtualmente esonerato Colantuono già una ventina di giorni fa: “Non lo cambio, non c’è niente di meglio in giro”.

L’ultima carta da giocare è una vittoria col Bologna: non è l’ultima spiaggia perché la classifica non è disastrosa ma potrebbe presto diventarlo. E la squadra ha bisogno di una scossa. Lo sa anche Reja, che non sa spiegarsi questa involuzione dell’Atalanta. Ma ora bisogna uscirne e se le motivazioni contano qualcosa, l’Atalanta trovi tutte quelle che ha per tornare a vincere.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.