BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Protezione civile: a Seriate formati 70 nuovi volontari provinciali

Oltre 70 nuovi volontari provinciali pronti a darsi per gli altri in casi di emergenza: è molto positivo il bilancio del corso base di Protezione civile che ha coinvolto i partecipanti in 17 ore di formazione.

Oltre 70 nuovi volontari entreranno nelle fila dei gruppi di protezione civile della provincia. Questo il numero di persone che hanno seguito il corso base volontari di Protezione civile. Organizzato dal gruppo comunale di Protezione civile di Seriate in collaborazione con la Provincia di Bergamo, i volontari dei gruppi FIPSAS di Seriate, GEVS di Albino, UOR – SER di Bergamo, prefettura e Croce Rossa Italiana, il corso ha coinvolto i partecipanti in 17 ore per un totale di 6 lezioni, di cui 5 teoriche e una pratica, tenutesi all’auditorium della biblioteca civica di Seriate. E il bilancio di chiusura è positivo sia da parte dei partecipanti sia degli organizzatori.

È soddisfatto ed entusiasta il sindaco di Seriate Cristian Vezzoli, tra i partecipanti al corso. Per normativa infatti il primo cittadino è l’autorità comunale di protezione civile che, in caso di emergenza nel territorio amministrato, assume la direzione e il coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza verso la popolazione colpita e provvede agli interventi necessari, comunicandoli tempestivamente al prefetto e al Presidente della giunta regionale.

“Sono entusiasta per la qualità di informazioni ricevute, la competenza e professionalità dei docenti. Il corso base fa maturare le persone e forma i nuovi volontari. Solo superandolo si diventa operativi, ossia si può partecipare alle operazioni di protezione civile, che collabora con puntualità con l’Amministrazione comunale sia nella gestione delle emergenze sia nell’organizzazione della vita seriatese, supportando gli agenti di polizia locale e altri volontari durante le manifestazioni cittadine. Ringrazio il gruppo comunale di Protezione civile per l’organizzazione del corso e per aver stipulato la convenzione con il Parco del Serio per tenere puliti e in sicurezza gli argini del fiume e i percorsi ciclo-pedonali. Segnali apprezzati, sono indice di dedizione verso il territorio e la città”.

Oltre al sindaco di Seriate, hanno partecipato altri due primi cittadini: Gabriele Gabbiadini di Pedrengo e Carlo Foglia di Cenate Sopra. Anche loro erano tra i corsisti (d’età anagrafica compresa tra i 70 ai 20 anni) arrivati da 35 gruppi di volontariato della Protezione civile disseminati sul territorio provinciale.

Durante le lezioni sono state impartite nozioni sulle funzioni e compiti della Protezione civile, sui servizi sanitari, quali il posto medico avanzato o l’ospedale da campo, da attivare in caso di emergenza, sul ruolo della Prefettura e delle componenti statali, sui rischi naturali e antropici presenti sul territorio, sulle mansioni del volontariato e su come erogare alloggi provvisori e servizi alla popolazione colpita da disastri.

Oltre alle lezioni teoriche anche una pratica dove i volontari del gruppo comunale di Seriate, del GEVS di Albino e del SER di Bergamo hanno mostrato concretamente come montare e smontare una tenda, quali e come attivare i dispositivi di protezione individuali e antincendio, come usare i sistemi di comunicazione e uso radio.

Claudia Campana, coordinatore tecnico del gruppo comunale Protezione civile di Seriate, afferma: “Ringrazio tutti, dal sindaco Vezzoli al comandante della Polizia Locale Giovanni Vinciguerra, dal viceprefetto aggiunto Patrizia Savarese ai docenti, partecipanti e volontari che hanno dato la loro disponibilità a tenere le lezioni sino al custode della biblioteca. Ognuno ha messo a disposizione e condiviso le proprie conoscenze e competenze. E solo con la collaborazione si può fare molto e crescere. Si impara sempre dagli altri e agli altri possiamo sempre dare qualcosa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.