BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Foppa super, Gennari di più: ora la trasferta di Novara, poi la final four di Ravenna

Tutto facile. Perfino troppo. La Foppa si sbarazza in tre set della Metalleghe Montichiari e blinda definitivamente il settimo posto in classifica, respingendo l’ultimo timido assalto delle bresciane. Gioli e compagne, none, dovranno quindi sudarsi l’accesso ai playoff in un duello con la Yamamay, ora all’ottavo posto.

FOPPA SUPER, GENNARI DI PIU’
In un PalaNorda quasi esaurito, nonostante gli eventi concomitanti della scorsa domenica (match iniziato all’insolito orario delle 19), le rossoblù hanno offerto una prova convincente, sulla falsariga di quella già vista contro il Club Italia sette giorni prima. Il 12-2 con cui volano al primo timeout tecnico è un chiaro segnale di battaglia e la conferma che dal punto di vista dell’approccio al match la squadra offre garanzie. Oltre ai primi punti è seguita però una prova concreta in attacco e ordinata in difesa.

A prendere la squadra per mano e a mettere a terra palloni pesanti, con Barun ancora non al meglio dopo il difficile match di Piacenza, ci ha pensato una Gennari in serata di grazia, capace di mettere a terra 19 palloni con il 75%. A condimento della prestazione da fuoriclasse della schiacciatrice azzurra, mai vista così in maglia Foppa, gli zero errori in attacco e al servizio, tre muri, un ace, 67% di positività in ricezione con la bellezza di 36 palloni ricevuti su 53. Al centro bene Paggi, così così Aelbrecht, sostituita nel terzo set da Frigo.

TOMSIA NON PERVENUTA
Ad aiutare poi la Foppa nella sua cavalcata trionfale ci ha pensato l’opposta avversaria Tomsia, che da migliore nel ruolo di tutta la A1 (guida la classifica dei punti realizzati), spauracchio annunciato alla vigilia, si è trasformata in un tenero agnellino: dai 35 punti di mercoledì contro Busto ai 5 punti raggranellati contro il muro-difesa rossoblù, vera chiave del successo orobico.

Ripensando ai 25 punti concessi a Partenio in un recente Foppa-Vicenza, i progressi sotto questo aspetto sono paurosamente evidenti. Ma senza gettare la croce addosso alla sola Tomsia è tutto l’attacco bresciano ad essere incappato in una serata disastrosa (25%) con il tecnico Barbieri a corto di alternative valide, nonostante una ricezione buona (66-37%) allineata a quella della Foppa. E di colpe alla palleggiatrice Dalia ci sentiamo di darne ben poche.

PLAK DECISIVA NEL TERZO
Montichiari è riuscita a rimanere in partita solo nel terzo set, grazie al muro e a qualche attacco dell’eterna Gioli. Le bresciane conducevano addirittura nelle fasi iniziali ma l’ingresso di Plak al posto di Barun portava quella ventata di potenza che da sola rimetteva in equilibrio il parziale. Ci pensava poi Sylla, fin lì altalenante tra stoccate vincenti ed errori, a mettere il turbo e a trovare due attacchi e due muri che davano il là al successo confezionato sul 27-25 dalla migliore in campo, Alessia Gennari.

PROSSIMI IMPEGNI
Le rossoblù sono ora chiamate alla trasferta di Novara, in grave crisi di identità, alle prese con nervosismi interni e con la squadra in silenzio stampa. L’avvento di Fenoglio finora non ha dato i frutti sperati, peggiorando il ruolino di marcia del predecessore Pedullà. L’Igor rimane comunque un’avversaria pericolosa, desiderosa di prendersi una rivincita del quarto di finale di coppa Italia.

Partita che conterà poco o nulla per la classifica: in dubbio rimane solo la posizione finale delle rossoblù tra sesto o settimo posto, ovvero un dettaglio.

Piuttosto sarà un test importante per mettere a punto la squadra, fisicamente, mentalmente, tatticamente, in vista della decisiva final four di coppa Italia del 19-20 marzo. Sarà lì, a Ravenna, che la squadra si giocherà il primo obiettivo dell’anno e contro Casalmaggiore (bestia nera) ed eventualmente Piacenza servirà la miglior Foppa dell’anno, quella che parte a tutta birra e arriva a razzo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.