BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ammirare le stelle da vicino: ad Aviatico si può, ed è gratis foto

Ogni primo venerdì del mese l'Osservatorio Astronomico di Aviatico apre liberamente e gratuitamente le porte al pubblico, dalle 21 a mezzanotte. E il bello è che per osservare le stelle non serve nemmeno prenotare.

Più informazioni su

Guardare le stelle non costa nulla, basta alzare gli occhi al cielo ed il gioco è fatto. Ma come sarebbe scrutarle da un potentissimo telescopio posto a 1.200 metri di quota?

Tutto ciò è possibile a pochi chilometri di distanza da Bergamo. Basta fare un salto all’Osservatorio delle Prealpi Orobiche di Aviatico: aperto liberamente e gratuitamente al pubblico ogni primo venerdì del mese dalle 21 a mezzanotte. 

La struttura è raggiungibile a piedi in soli 5 minuti dal piazzale di Ganda, frazione di Aviatico. Per osservare le stelle è consigliabile munirsi di un abbigliamento adeguato al luogo di montagna e di una torcia elettrica, poiché il sentiero non è illuminato. Le auto si possono parcheggiare nella piazzola antistante la salita di via Martinelli che dista soli 300 metri dall’Osservatorio (l’accesso in auto fino alla struttura è consentito esclusivamente agli autorizzati e ai portatori di handicap).

Osservatorio

Incastonato nella splendida cornice naturale dell’Altopiano Selvino-Aviatico, l’Osservatorio delle Prealpi Orobiche è stata la prima struttura realizzata nel territorio ad essere aperta al pubblico. La sua specola ospita il telescopio principale, un riflettore equatoriale di 512 mm di apertura in grado di raccogliere 7.500 volte più luce dell’occhio umano.

Realizzato dai soci del Circolo Astrofili Bergamaschi, a partire dal 1995 svolge un prezioso servizio culturale, organizzando corsi di astronomia e visite guidate diurne e serali, sia per gruppi che per singoli. E’ dotato di una sala conferenza della capienza di circa 40 posti a sedere e di un potente telescopio a riflessione, capace di spingere l’occhio umano fino a 350 milioni di anni luce di distanza dalla terra, grazie a un telescopio Newton-Cassegrain dal diametro di 50 cm e di un rifrattore del diametro di 20 cm.

Una piccola grande finestra sull’infinito, in provincia di Bergamo.

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.