BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cresce l’attesa per la sfilata di Mezza Quaresima: in strada migliaia di bergamaschi

Cresce l’attesa per uno degli eventi più sentiti dai bergamaschi: la sfilata di Mezza Quaresima.

Sfilata Mezza Quaresima

Meteo permettendo, domenica 6 marzo la grande manifestazione colorerà per un pomeriggio le vie cittadine tra carri a tema, musica, coriandoli e tanta, tantissima voglia di divertirsi.

Un evento di volti, colori, suggestioni, racconti che nascono e si sviluppano nella cornice di un carro e solleticano la fantasia: ecco cos’è la sfilata di Mezza Quaresima, evento simbolo di Bergamo, promosso dalla storica associazione Ducato di Piazza Pontida fin dalla sua fondazione nel 1924.

Oggi la manifestazione si configura come un evento di grande richiamo, capace di attrarre migliaia di persone. L’atmosfera gioiosa che la permea, i carri allegorici e il rito del Rasgamènt de la Egia, con cui si mettono simbolicamente al rogo le brutture della città, la rendono un tassello importante del folclore del territorio e contribuiscono a fare del capoluogo orobico un luogo in cui l’espressione della cultura popolare conferma una sempre più significativa dimensione.

Non solo Bergamo, però: l’edizione 2016 dà spazio anche alle tradizioni folcloriche di altre nazioni. In scena quest’anno due gruppi di primo piano provenienti da Serbia e Malta, che si esibiranno venerdì sera e domenica mattina al Quadriportico del Sentierone, oltre che nella serata di sabato in Piazza Pontida.

Domenica pomeriggio, tre colpi di canone sparati dagli spalti delle Mura daranno il via alla parata, che verrà aperta dal Duca di Piazza Pontida e dalla Ègia piö bè.
la, seguiti da carri, gruppi danzanti e tamburini.

Dalla provincia di Bergamo, dal bresciano, dal lecchese, da Santhià e da Novara, dalle province di Cremona, di Monza Brianza e Venezia arriveranno in città straordinari carri curati nei minimi dettagli e migliaia di figuranti.

Spazio allora all’allegria e alla stravaganza, al divertimento e allo stupore, per quella che è, a tutti gli effetti, una vera e propria festa del folclore.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.