BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bonino sul caso Vendola: se posso donare un rene, perché non il mio utero?

La senatrice Emma Bonino a Bergamonews.it: “Sulla paternità di Nichi Vendola non devo dire nulla. Ma posso fare una domanda: se posso donare un rene in questo Paese perché non posso donare un utero?".

Più informazioni su

La senatrice Emma Bonino a Bergamonews: “Sulla paternità di Nichi Vendola non devo dire nulla. Ma posso fare una domanda: se posso donare un rene in questo Paese perché non posso donare un utero? Io non lo farei, ma non capisco perché non si deve fare”.

L’affermazione della senatrice che ha condotto molte battaglie civili arriva alla vigilia del suo intervento a Bergamo, in calendario martedì 1° marzo alle 18 al Centro Congressi Giovanni XXIII, per la Fondazione A.J. Zaninoni, dal titolo “Medio Oriente e Mediterraneo”.

La nascita, attraverso una maternità surrogata, di Tobia Antonio figlio di Nichi Vendola, già presidente della Regione Puglia, e del compagno Ed Testa ha scatenato una serie di polemiche.

Polemiche nelle quali Emma Bonino non ha voluto scendere.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Il Conte

    E ci scandalizzavamo dei tentativi di Hitler di creare la razza ariana con esperimenti di questo tipo che ora la cosiddette democrazie legalizzano.

  2. Scritto da Il Conte

    La surrogazione in poche parole sarebbe il più becero relativismo che possa esistere!
    La maternità surrogata non è solo un modo per trasformare le donne in oggetto (incubatrici viventi) in cui ciò che vuole lei non conta più perchè il suo utero è ufficialmente diventato proprietà altrui, ma è un modo per commercializzare la vendita di esseri umani come merce perchè basta vedere che se è malformato o meglio “difettoso” i contratti prevendano l’aborto di bambini che possono essere curati da lievi malformazioni e si sceglie di assecondare i propri capricci a tal punto da privare alle volte un padre o una madre a un bambino che per diritto naturale ha bisogno di un padre e di una madre (coppie gay e single etero) e si sceglie di non accettare la propria sterilità biologica (etero coppia) ed è la più chiara forma di ossessione di voler soddisfare a tutti i costi il proprio sogno egoistico di paternità/maternità sapendo bene di essere sterili preferendo a tutti i costi voler un figlio geneticamente proprio che accettare che sia meglio adottare e che i bambini adottati possano avere un padre e una madre!

  3. Scritto da OscarBraendli

    Redazione, ora lo so che dovrete censurarmi, ma la domanda della peraltro ottima Bonino è speciosa. Sarebbe da rispondere con un’altra domanda: ma se posso affittare per nove mesi un utero perché non posso noleggiare per trenta minuti una vagina?