BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Via ansie e paure: Atalanta, col Carpi devi solo vincere

Delicatissima sfida quella che attende oggi la Dea al Braglia di Modena contro il Carpi.

La squadra di Castori (tornato sulla panchina emiliana dopo l’esonero in corso di campionato e il successivo allontanamento di Sannino), pur trovandosi al penultimo posto della classifica con 20 punti, non sembra aver alcuna intenzione di alzare bandiera bianca prima del tempo e, anzi, appare fortemente motivata a cercare di raggiungere quanto meno quel quart’ultimo posto che le garantirebbe l’insperata permanenza nella massima serie.

La salvezza, al momento, è lontana da Carpi 5 lunghezze, visto che la Samp occupa l’ultima posizione utile per restare in serie A con 25 punti. Tutto sommato una distanza non incolmabile e quindi la squadra biancorossa fa benissimo a continuare a crederci.

In realtà, se vogliamo ampliare un po’ il raggio d’azione, tra il Carpi penultimo e l’Atalanta che occupa il 13° posto con 29 punti, ci sono di mezzo altre 7 squadre e, con le vittorie da 3 punti, nessuna di queste può a mio avviso considerarsi già tranquilla, Dea compresa.

Aggiungo che quella di oggi sarà una giornata particolare visto che le ultime della classe si sfideranno tra di loro in scontri diretti (Udinese-Verona, Palermo-Bologna, Chievo-Genoa e soprattutto Sampdoria-Frosinone) che potrebbero ulteriormente (e per noi pericolosamente) accorciare la classifica.

Edy Reja

Ecco perché ho definito la partita come molto delicata: un eventuale ulteriore passo falso degli uomini di Reja, oltre a ridurre il margine fra le due compagini, darebbe nuova linfa ai carpigiani e, per contro, creerebbe nella squadra nerazzurra ancora più ansia di quanta già non ce ne sia.

Si, perché nonostante le affermazioni di Reja (la cui panchina da qualche giorno non è più così intoccabile) chi scende in campo appare tutt’altro che sereno e, come sempre accade, usando un gergo tennistico “quando giochi col braccino la palla non la butti di là”.

Lungi da me l’essere disfattista (solitamente sono portato a vedere il bicchiere mezzo pieno), ma alcune cose sono innegabili ed incontrovertibili: la squadra non vince da quasi 3 mesi, 11 giornate nelle quali ha ottenuto la miseria di 5 punti frutto di altrettanti pareggi. Inutile fingere di non vedere che se non si fosse messo del fieno in cascina nella prima parte della stagione e se le squadre dietro la Dea non viaggiassero come delle lumache, oggi sarebbero davvero guai molto seri.

Ma guai seri lo potrebbero diventare veramente se continuasse a perdurare questa incredibile metamorfosi “inversa”, che ha visto la stupenda e colorata farfalla nerazzurra della prima parte del torneo trasformarsi nell’attuale timoroso bruco.

Anche perché in casa atalantina piove sul bagnato, visto che Reja dovrà fare a meno del Papu Gomez per almeno tre partite (se non quattro) a causa di una frattura alle costole. Non che il Papu di questo periodo fosse irresistibile, ma sono convinto che chiunque lo dovrà sostituire non abbia certamente la sua abilità e la sua pericolosità.

Nessun precedente in terra emiliana da commentare, visto che Carpi e Atalanta non si sono mai affrontate né in campionato né in alcuna altra manifestazione ufficiale. Quindi l’unico precedente in assoluto è la partita disputata a Bergamo nello scorso ottobre, nella quale i nerazzurri strapazzarono gli avversari per 3-0 con gol di Pinilla, Gomez (addirittura da calcio d’angolo) e Cigarini su rigore.

Purtroppo, e sottolineo purtroppo, quella era però veramente un’altra Atalanta. Quella di oggi è una squadra che tutto sommato gioca anche benino e con personalità fino alla tre quarti, ma la verità è che per vincere le partite bisogna “buttarla dentro” e la Dea non è più capace di farlo. E anche quando miracolosamente riesce addirittura a farne due (domenica scorsa con la Fiorentina) perde comunque la partita.

Venendo agli ex di turno, in maglia biancorossa giocano oggi sia il difensore Suagher che il secondo portiere Colombi, entrambi cresciuti a Zingonia. Il nerazzurro Marco Borriello ha invece disputato la prima parte di questa stagione alla corte del patron Caliumi giocando 12 partite con 4 reti. Altro ex della gara sarà il nostro portiere Marco Sportiello, 30 gare disputate nel 2012-2013 in Lega Pro (con promozione in serie B) con la casacca carpigiana.

Per la gara di oggi Castori non potrà certamente contare sui lungodegenti Bubnjic (lesione del legamento crociato anteriore), Fedele (lesione del crociato collaterale anteriore del ginocchio sinistro) e Gnahorè (trauma cranico e al bacino). Tra i biancorossi si dovrebbe rivedere anche il ristabilito Pasciuti (che però andrà in panchina), mentre in mediana cerca posto De Guzman e in attacco conferma quasi certa per Mbakogu. L’undici iniziale potrebbe essere un 4-4-1-1 così formato: Belec, Zaccardo, Romagnoli, Gagliolo, Letizia, Sabelli, Bianco, Crimi, Di Gaudio, Lollo, Mbakogu.

Mauricio Pinilla

La tegola Gomez obbliga necessariamente mister Reja a scegliere un’alternativa: D’Alessandro o Gakpè (col primo favorito) nel tridente iniziale con Diamanti e Pinilla (con l’ex Borriello pronto a subentrare). Al centro della difesa tornerà ad occupare il suo posto da titolare Paletta, con Masiello che tornerebbe sulla fascia destra complice anche la squalifica di Conti. In dubbio Raimondi causa un fastidio muscolare al polpaccio. Ecco la probabile formazione iniziale: Sportiello, Masiello, Toloi, Paletta, Dramè, Cigarini, De Roon, Kurtic, Diamanti, Pinilla, D’Alessandro.

Lunedì 29 febbraio, dopo 4 anni senza il bisestile, torno a festeggiare il mio compleanno: cara Dea, saresti così gentile da regalarmi una tua vittoria?

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.