BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Aperta la stagione della pesca: 410 controlli, sette multe

Nel corso della giornata sono stati effettuati un totale di 410 controlli e accertati 7 illeciti amministrativi. Nel corso delle operazioni di controllo è stato eseguito 1 sequestro amministrativo.

Domenica 28 febbraio 2016, in occasione dell’apertura della pesca nelle acque di tipo “B”, la Polizia provinciale di Bergamo è stata impegnata, sin dalle prime luci dell’alba, in servizi di prevenzione e controllo sul territorio con 11 pattuglie.
Gli Agenti della Polizia provinciale hanno operato insieme alle Guardie volontarie della Provincia e dell’associazione Pescatori di Bergamo convenzionata FIPSAS, con la quale è in atto una consolidata collaborazione operativa; presenti sul territorio anche le guardie volontarie della Associazione UNPeM.
Il Consigliere delegato alla Caccia e Pesca Denis Flaccadori ricorda “ che le novità introdotte dal Calendario pesca 2016, volte ad aumentare il grado di protezione in particolare della Trota marmorata nel basso Brembo, del Temolo nell’Oglio pre-lacuale e della Carpa nel Lago di Endine, sono state richieste dalle Associazioni di pescatori e condivise dalla Consulta provinciale della pesca“.
Il Consigliere evidenzia che “la novità di maggior rilievo per il settore è sicuramente il trasferimento delle competenze in materia di caccia e pesca alla Regione Lombardia, che dal 1 aprile subentrerà alle Province nell’esercizio delle funzioni amministrative. Un cambiamento istituzionale che vede però la continuità dell’impegno del personale attualmente impegnato in Provincia che continuerà, con la solita professionalità ed attenzione al territorio, ad occuparsi della materia. L’auspicio è che possa in egual modo proseguire anche la collaborazione, ormai ventennale, con le Associazioni di pescatori nelle attività di gestione degli Incubatoi Ittici, dei campi Gara e della Vigilanza Volontaria. Auguro a tutti i pescatori una bella stagione di pesca sempre all’insegna della tutela dell’ambiente”

Per il Consigliere delegato alla Polizia Provinciale Mauro Bonomelli, “anche in questo momento in cui, per la vigilanza ittico venatoria, non si è ancora completata la definizione del livello di competenza istituzionale, il personale del Corpo di Polizia provinciale continua con passione a tutelare l’ambiente, le acque e il patrimonio ittico che le popola. Sono questi obiettivi fondamentali dell’attività di prevenzione e controllo del Corpo di polizia provinciale e della vigilanza volontaria ittica con cui si è instaurata una collaborazione proficua da anni. A tutti gli appassionati una stagione ricca di soddisfazioni!”.

Nel corso della giornata sono stati effettuati un totale di 410 controlli e accertati 7 illeciti amministrativi. Nel corso delle operazioni di controllo è stato eseguito 1 sequestro amministrativo.
Nonostante le condizioni meteo avverse dettate dalla costante pioggia durante il corso della giornata è stato registrato un buon afflusso di pescatori in particolare durante la mattinata.
Il pescato è stato buono su tutto il territorio, con una concentrazione nei campi fissi di gara, oggetto delle semine ittiche effettuate dal servizio Caccia e Pesca della Provincia di Bergamo.
Per il Calendario pesca nell’anno 2016 sono confermate le norme e modalità d’uso degli attrezzi per l’esercizio della pesca dilettantistica nelle acque della provincia, con le disposizioni indicate nell’allegato.

Per l’attività di pesca dilettantistica nel 2016 sono confermate le norme e le prescrizioni vigenti lo scorso anno, con le seguenti novità:
a) Istituzione di una nuova Zona di protezione e ripopolamento (ZPR) sul Fiume Brembo in Comune di San Giovanni Bianco: dallo scarico delle Centrale ex Cartiera Cima allo sbarramento ENEL a valle del Ponte Vecchio (m. 300 circa)
b) Istituzione di una Zona di Tutela della Trota Marmorata sul Fiume Brembo dallo sbarramento ENEL GREEN POWER in Comune di Ponte San Pietro sino allo sfocio nel Fiume Adda in Comune di Canonica d’Adda (di circa 16 Km) – ove è previsto l’obbligo del rilascio immediato di tutti gli esemplari catturati di Trota Marmorata e di Ibridi Fario x Marmorata;
c) Ampliamento dell’esistente Zona di tutela del temolo istituita sul Fiume Oglio pre-lacuale su tutto il tratto di competenza provinciale in Comune di Rogno sino alla foce nel Sebino in Comune di Costa Volpino (acque di tipo B) di circa 7.400 m ove è sempre vietata la cattura del Temolo ed è inoltre sempre vietato l’uso e la detenzione di qualsiasi attrezzatura idonea ad esercitare tecniche di pesca radente il fondo, quali la camolera, temolera e/o similari.
d) Istituzione dell’obbligo del rilascio di tutti gli esemplari di carpa catturati sul lago di Endine
Per quanto riguarda lo svolgimento di gare e manifestazioni di pesca la programmazione e la gestione dell’attività agonistica e ricreativa nei Campi fissi di gara e nei Campi gara invernali istituiti dal Piano ittico sul territorio provinciale sono state affidate anche per l’anno in corso alla Associazione Pescatori – Sezione Provinciale di Bergamo – convenzionata F.I.P.S.A.S con sede a Bergamo in via Gleno – Casa dello Sport.

Si evidenzia che, al fine di tutelare le popolazioni di Trota Marmorata e di Temolo, anche in conformità con i provvedimenti sopra descritti, nei seguenti corpi idrici:
Fiume Brembo nel tratto da Ponte San Pietro alla foce in Adda
Fiume Oglio pre-lacuale in tutto il tratto di competenza provinciale da Rogno alla foce nel Sebino
in occasione di gare e raduni di pesca è consentita unicamente l’immissione di esemplari di Trota iridea mentre è sempre vietata l’immissione di esemplari di Trota fario.

Solo ed esclusivamente nei seguenti Campi Fissi istituiti dal Piano Ittico Provinciale
Fiume Brembo – Brembate – Canonica d’Adda: dall’opera di presa della Roggia Moschetta in Comune di Brembate sino al confine a monte delle Cave in Comune di Brembate
Fiume Oglio – Costa Volpino: dallo sfocio della valle Gratacasolo al ponte Barcotto in Comune di Costa Volpino
e solo per lo svolgimento di gare agonistiche a livello regionale, nazionale e provinciale è consentita l’immissione di Trote Fario sterili (triploidi).

La sterilità del materiale da immettere deve essere documentata tramite apposita certificazione rilasciata dall’Allevatore.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.