BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Senato, emendamento del bergamasco Guerini in soccorso ai giovani avvocati

Nel decreto Milleproroghe anche un emendamento del deputato bergamasco del Pd: “Fatta salva la possibilità di iscrizioni all'albo dei cassazionisti per centinai di giovani colleghi abilitati tra il febbraio 2004 e febbraio 2005”.

Avvocati “nuovi poveri”, categoria sovraffollata e senza tutele: un allarme lanciato sia a livello nazionale che a Bergamo dal presidente dell’Ordine e dell’Unione Lombarda Ordini Forensi Ermanno Baldassarre.

Una buona notizia, però, arriva dal Decreto Milleproroghe, approvato definitivamente dal Senato mercoledì 24 febbraio: al suo interno un emendamento, a firma del deputato bergamasco del Pd Giuseppe Guerini, che ha prorogato fino al febbraio del 2017 la possibilità per gli avvocati di patrocinare innanzi alle giurisdizioni superiori, ad esempio la Corte di Cassazione, dopo 12 anni di iscrizione all’Albo, senza ulteriori requisiti.

“Con la riforma dell’ordinamento forense del 2012 – spiega Guerini – tale possibilità è stata concessa agli avvocati che abbiano ‘lodevolmente e proficuamente frequentato la Scuola superiore dell’avvocatura’ dopo 8 anni di iscrizione all’albo.

Una norma transitoria ha fatto salva l’iscrizione per ‘coloro che maturino i requisiti secondo la previgente normativa entro tre anni dalla data di entrata in vigore della presente legge’.

Il mio emendamento è intervenuto proprio su quel termine triennale, prolungandolo di un ulteriore anno fino al febbraio 2017: in tal modo è stato possibile fare salva la possibilità di iscrizione all’albo dei cassazionisti per centinaia di giovani colleghi, i cosiddetti ‘esodati della Cassazione’, cioè gli avvocati abilitati tra il febbraio 2004 e il febbraio 2005”.

L’AIGA, l’associazione dei giovani avvocati, ha espresso il proprio compiacimento per la modifica normativa: “Dirsi soddisfatti per il risultato raggiunto sarebbe riduttivo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.