BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lo Studio First compie 32 anni: traduzioni sensibili in oltre 30 lingue

Dalla macchina da scrivere, in una piccola sede di via Nullo, ai 500 collaboratori che fanno riferimento alla sede di via Casalino 5/H, sono passati più di 30 anni: lo Studio First di Bergamo fa dell’esperienza e della qualità dei servizi nel campo dei corsi di lingua, delle traduzioni, dell’interpretariato e dei convegni i propri punti di forza, capaci di distinguerlo in un panorama in cui proliferano enti e opportunità anche in rete.

Lo studio, nato per volontà della presidente Mariagrazia de Cobelli e di Lia Bonini, è stato uno tra i primi studi privati a Bergamo e dopo essere partito da traduzioni e interpretariato, ha man mano ampliato i propri orizzonti sviluppando il settore dei corsi di lingua per singoli, gruppi, aziende, imprenditori e professionisti, l’organizzazione di convegni e congressi e, anche, fornendo supporto nella tutela delle proprietà industriale in collaborazione con una società di Torino.

“Nel corso degli anni, abbiamo cambiato filosofia – sostiene de Cobelli, per anni vicepresidente del Terziario Innovativo di Confindustria – Nel tempo siamo arrivati ad avere anche 10 dipendenti, oggi, invece, pur non rinunciando a personale in-house, abbiamo ampliato la nostra rete di collaboratori esterni, tra insegnanti, traduttori e interpreti, tutti professionisti selezionati con un’esperienza minima di cinque anni. Abbiamo anche tenuto stage formativi per persone che arrivavano dall’estero, Inghilterra, Germania e Lussemburgo”.

Associato a Federlingue, della quale rispetta il codice deontologico e di cui de Cobelli è Membro del Consiglio Direttivo, lo Studio First ha visto crescere in modo esponenziale la propria attività nel campo dei corsi: corsi standard, per aziende, business, tailor-made, one-to-one, e alcuni molto particolari che sono stati attivati ultimamente. Pensiamo ad esempio a quello riservato agli imprenditori o, ancora, a quello per le donne, a soli 122 euro per 14 ore, che ricrea una sorta di salotto in cui fare normale conversazione imparando allo stesso tempo l’inglese, o a quello in Sicilia, una stimolante gita per staccare dalla quotidianità e migliorare la lingua in un’incantevole location a pochi chilometri da Taormina.

Fornitore primario dei servizi linguistici per Confindustria Bergamo, lo Studio First è certamente un punto di riferimento anche per il mondo del business e negli anni ha creato collaborazioni attive con altri importanti attori del territorio, come la Camera di Commercio e la Provincia: “Spesso i nostri clienti ci confidano di essersi rivolti a noi per la delicatezza del lavoro – continua la presidente de Cobelli – E’ un grande attestato di stima e un riconoscimento prezioso per la qualità del nostro operato: i testi tradotti vengono sempre revisionati e per ogni cliente viene creato un glossario che ci permette maggiore uniformità della terminologia anche per i lavori successivi, sempre affidati allo stesso traduttore”.

Un settore particolare quello delle traduzioni legali, finanziarie e commerciali in cui il professionista che cura la traduzione si occupa anche dell’eventuale asseverazione presso il Tribunale.

Non sono mancate le richieste particolari, come la traduzione di un testo sensibile dal Giapponese e perfino dal kazako, con commesse arrivate anche dall’estero, in particolare da Austria, Germania e Svizzera: sono oltre 30 le lingue coperte dallo Studio First, con la possibilità di traduzioni incrociate da lingua a lingua senza passare dall’italiano.

“La presenza della concorrenza ci ha obbligati ad adattarci economicamente – conclude la presidente – L’abbassamento dei prezzi ci ha un po’ penalizzati ma la qualità del lavoro rimane il nostro tratto distintivo”.

Per informazioni sui corsi: segreteria@studiofirst.it, direzionefirst@studiofirst.it o 035220116

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.