BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Facebook rivoluziona il “mi piace” con le Reactions, che ne pensi?

Sono l'ultima proposta di Facebook: sei nuove icone animate che ci permettono di interagire con i nostri amici attraverso una ben più ampia gamma di emozioni.

Facebook ha ormai raggiunto il miliardo e mezzo di iscritti, eppure il quantitativo di innovazioni offerte agli utenti non accenna a diminuire: l’ultima proposta? Le Reactions, sei nuove icone animate che ci permettono di interagire con i nostri amici attraverso una ben più ampia gamma di emozioni.

Non più solo “Mi piace”, dunque, ma anche “Love”, “Ahah”, “Wow”, “Yay”, “Sigh”,“Grrr” faranno da oggi parte a buon diritto dell’idioma ufficiale del Social Network, permettendo ai fruitori del servizio di evitare gran parte dei fraintendimenti associati all’uso del pollice blu.

Se fino ad oggi un like riferito ad un post circa la scomparsa di una persona cara o il verificarsi di un disastro naturale avrebbe potuto suscitare reazioni ‘impreviste’, ricorrendo ad una più esaustiva Reaction sarà possibile esprimere compiutamente il nostro effettivo stato d’animo.

Ancora inesistente è tuttavia il tasto “non mi piace”. Sebbene largamente auspicata da parte della comunità virtuale, quest’opzione risulterebbe contraria al progetto originario del fondatore Mark Zuckerberg, che ha di recente ribadito la propria posizione sull’argomento: fornire la possibilità di esecrare pubblicamente post e utenti limiterebbe infatti le interazioni, instillando il costante timore del giudizio negativo di amici e conoscenti, minando così la serenità del Social Network.

Dopo un periodo di prova in sette nazioni assai diverse per costumi e sensibilità, le Reactions saranno a brevissimo disponibili in tutto il globo. Pronti ad esprimere la vostra opinione?

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.