BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Comune unico in Valseriana: sì dai 5 consigli, in autunno tocca ai cittadini

Cerete, Fino del Monte, Onore, Rovetta e Songavazzo fanno un nuovo passo avanti verso la fusione in un unico Comune: i cinque consigli comunali hanno approvato il progetto che ora verrà inviato a Regione Lombardia e in autunno verrà sottoposto al voto dei cittadini.

Non senza qualche voce contraria il progetto di fusione tra Cerete, Fino del Monte, Onore, Rovetta e Songavazzo va avanti: lunedì 22 febbraio i consigli comunali di Fino del Monte e Rovetta hanno dato l’ultimo ok che mancava per poter presentare l’istanza sul tavolo di Regione Lombardia.

Un documento che deve arrivare entro il primo marzo per permettere alla Regione di stabilire, entro il 15 luglio, in quale giorno si andrà al voto referendario in autunno, probabilmente tra la fine di novembre e l’inizio di dicembre, quando i cittadini avranno l’ultima parola sulla costituzione di un nuovo Comune da 8.440 abitanti, esteso su 67,6 chilometri quadrati ma con centri abitati tutti racchiusi nel raggio di due chilometri e mezzo, e sul suo nome, da scegliere in una rosa di 6.

Per poter procedere alla fusione il “sì” dovrà prevalere in tutti e cinque i Comuni: a quel punto tutte le cariche elettive decadrebbero e un commissario prefettizio farebbe da traghettatore fino alle elezioni della primavera 2017.

Ma se a Fino del Monte, Onore e Songavazzo l’approvazione è arrivata all’unanimità, a Cerete e Rovetta le rispettive opposizioni si sono dette contrarie. Voci fuori dal coro che non hanno impedito al progetto di compiere lo step necessario ma che potrebbero rappresentare una certa resistenza anche da parte di una buona fetta della popolazione: la minoranza a Rovetta, che nell’idea del progetto potrebbe essere in futuro la sede del nuovo Comune, ha motivato la propria contrarietà in particolar modo con la volontà di mantenere le tradizioni che con la fusione rischierebbero perdersi e con una “vicinanza” che a livello comunitario non rispecchierebbe quella amministrativa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.