BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Riforma del mercato elettrico: “Cambiare regole per ridurre i costi” fotogallery

Nella sede di Confindustria Bergamo si è parlato di riforma del mercato elettrico nazionale. Relatore dell'incontro Massimo Beccarello, Vice Direttore Politiche Industriali di Confindustria, con delega all'ambiente e all'energia .

Mercato elettrico e mercato del gas naturale. Di questo e molto altro ancora si è parlato nell’incontro svoltosi martedì 23 febbraio alle 16,30 nella sede di Confindustria Bergamo, in via Camozzi 70.

Oggetto della discussione la riforma del mercato elettrico nazionale, con ospiti Massimo Beccarello, Vice Direttore di Confindustria con delega all’ambiente e all’energia; Fabio Leoncini, Amministratore delegato di Innowatio Spa ed Edoardo Zanchini, Vice Presidente nazionale di Legambiente.

Un’occasione per parlare delle prospettive aziendali nell’ottica dell’imminente integrazione dei mercati energetici europei: la Commissione UE, impegnata su questo tema da ormai cinque anni, è giunta al varo del rilancio dell’Italia nel ruolo di hub del gas europeo anche a seguito delle recenti vicende geopolitiche internazionali, specie relative al fronte orientale.

“Il costo dell’energia rappresenta una variabile strategica fondamentale per la competitività del sistema industriale”, spiega Beccarello. “Oggi giorno è necessario adottare un nuovo approccio, che tenga conto di quelli che sono i grandi obiettivi europei e i grandi cambiamenti climatici. All’interno di questo disegno, ricavare poi un progetto di riforma del mercato italiano che consenta alle imprese di raggiungere un’elevata competitività, specialmente in relazione a quelli che sono gli standard europei”.

L’incontro si è poi concluso in Sala Giunta nell’ambito del ciclo “Serata per l’imprenditore” – esclusivamente riservato agli imprenditori delle aziende associate e loro stretti collaboratori  – dove  i relatori hanno approfondito i contenuti del recente e storico primo accordo mondiale per il contrasto dei cambiamenti climatici, siglato a Parigi il 12 dicembre 2015 da oltre 120 Paesi.

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.