BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Sfrattiamo Maroni”, flash mob dei 5 Stelle davanti al Pirellone

Un flash mob dal titolo “Sfrattiamo Maroni” si è svolto nella mattina di lunedì 22 febbraio 2016 davanti a Palazzo Pirelli per chiedere al Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni di andare a casa. Ad organizzarlo sono stati i componenti del Movimento 5 Stelle.

Un flash mob dal titolo “Sfrattiamo Maroni” si è svolto nella mattina di lunedì 22 febbraio 2016 davanti a Palazzo Pirelli per chiedere al Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni di andare a casa. Ad organizzarlo sono stati i componenti del Movimento 5 Stelle.
I  parlamentari lombardi Paola Carinelli, Giorgio Sorial, Danilo Toninelli, Massimo De Rosa, Daniele Pesco, i consiglieri regionali Stefano Buffagni, Iolanda Nanni, Eugenio Casalino, Gianmarco Corbetta, Silvana Carcano, Dario Violi, Andrea Fiasconaro, Paola Macchi e Giampietro Maccabiani, insieme alla candidata sindaco di Milano, Patrizia Bedori, sono arrivati all’ingresso di Palazzo Pirelli con un furgone con la scritta “Traslochi M5S” e un’autoscala con la scritta “Sfrattiamo Maroni”.

Movimento 5 Stelle

I portavoce hanno distribuito fac-simili banconote da 500 euro con la foto del presidente Maroni e la scritta “Saniteuro”; sul retro delle banconote le scritte: “Sanità pubblica impoverita”, “Sempre più risorse e potere alla Sanità Privata accreditata”, “Controlli non pervenuti” e “Solito giro di poltrone”.

Il capogruppo M5S in Regione, Stefano Buffagni, ha dichiarato: “Maroni si è dimenticato delle promesse fatte in campagna elettorale: si è presentato con la scopa adesso è finito con le dentiere, quindi riteniamo assolutamente necessario tornare al voto in Lombardia. Dopo l’inchiesta Mantovani questa di Rizzi è gravissima: è il padre della riforma sanitaria tanto millantata da Maroni.  Come facciamo a sapere che la riforma è stata fatta nell’interesse pubblico e non dei privati giacché proprio il padre di quella riforma è finito in carcere?”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.