BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lo chef Mirko Ronzoni in finale a Hell’s Kitchen

E'giovane, è bravo e ai fornelli sa far sognare. E' lo chef Mirko Ronzoni, 24 anni di Bergamo che ha partecipato ed è arrivato in finale a Hell's Kitchen.

E’giovane, è bravo e ai fornelli sa far sognare. E’ lo chef Mirko Ronzoni, 24 anni di Bergamo che ha partecipato ed è arrivato in finale a Hell’s Kitchen Italia. Venerdì 26 febbraio verrà trasmessa in chiaro sul nuovo canale TV8 (che ha sostituito Mtv) la finale di Hell’s Kitchen Italia che lo ha visto partecipe con altri quattro ragazzi provenienti da tutta Italia.
Mirko, non ti piace solamente cucinare, ma anche mostrare la tua arte. Ci racconti la tua esperienza?
“Sono un cuoco di Bergamo, ho 24 anni, mi sono diplomato all’alberghiero di Nembro poi sono partito per Londra. Un’esperienza di un anno al 5 stelle Corinthia, dopo la quale sono tornato. Ho iniziato a fare corsi di cucina presso l’Accademia del Gusto ed esperienze stellate in zona, per esempio Anteprima e Miramonti l’altro. In provincia di Bergamo ho lavorato al Convento dei Neveri di Bariano, subito dopo aver avviato una start up a Bucarest con imprenditori rumeni. Ma fra una cosa e l’altra la mia passione per i riflettori premeva con piccole apparizioni qua e là. Fino a Hell’s kitchen: l’anno scorso ero a New York per l’apertura di un ristorante quando si è profilata questa opportunità, ho fatto un paio di casting ed è partita l’avventura”.

Qual è il tuo segreto?
“La mia arma vincente è stata essere istrionico e corretto con gli altri concorrenti, un certo fair play con il sorriso sulle labbra. Amo l’estetica e tutto ciò che si lega alla bellezza, una donna, un’auto, una moto…, quindi massima attenzione per il dettaglio e piatti visti come opere d’arte. Cracco criticava questo estetismo ma in finale sono riuscito a conciliare presentazione, gusto e mordente. Il cuoco che mi ispira di più è Grant Achatz, perché è follia pura, genio, sregolatezza; in Italia sicuramente Carlo Cracco e Tonino Cannavacciuolo, per la vocazione mediterranea”.

Dai fornelli alla tivù, ma c’è un tuo ristorante nel tuo futuro?
“Naturalmente sì, ora sto partendo proprio da Bergamo con un nuovo format che toccherà con un nuovo concetto la cucina Vegetariana e Vegana, quello che vi chiedo è tenere sotto controllo il mio sito www.mirkoronzoni.it e i miei canali socials, ne vedremo delle belle proprio in primavera. Ma sto anche organizzandomi per un bel tour in Italia, diffondendo la mia idea di cucina, ho 25 anni c’è ancora tantissimo da fare”.
Allora in bocca al lupo!

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.