BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo, il 10% dei congedi parentali è dei padri, ma sotto la media

Le richieste di congedo parentale in Lombardia nel 2015 e a gennaio 2016: a Bergamo le domande maschili rimangono attorno al 9% del totale.

Più informazioni su

Sono 4.546 le richieste di congedo parentale presentate in Lombardia a gennaio 2016, di cui l’11,2% (510) da parte dei padri: sono i numeri complessivi registrati dall’Inps tra chi si è rivolto ai patronati a chi ha portato avanti autonomamente la domanda.

Un dato, quello relativo alle richieste maschili, in lieve crescita rispetto al 2015 quando, con 6.292 richieste sulle 58.716 totali, si era attestato su un 10,7%: un segnale, forse, di un maggiore coinvolgimento dei padri nella cura e per far fronte ai problemi dei figli, anche grazie agli interventi proposti dal Governo Renzi nel Jobs Act.

Al 31 gennaio 2016 la provincia con il maggior numero di richieste è Milano con le sue 1.307: a seguire ecco Bergamo con 696, di cui 633 da madri e 63 dai padri che rappresentano una percentuale di poco superiore al 9%, al di sotto della media regionale.

A far registrare la percentuale più alta di richieste di congedo parentale maschile è la provincia di Varese, con il 17,29% (101 domande), seguita da Lodi (16,87% e 28 domande).

Il congedo parentale continua a non decollare nelle province di Sondrio e Cremona, agli ultimi posti in Lombardia sia in tutto il 2015 che nel primo mese del nuovo anno: bassissimo qui il dato sulle richieste dei padri, solamente sei.

Detto di gennaio 2016, a Bergamo nel 2015 sono state 6.226 le richieste giunte all’Inps: 5.657 quelle presentate dalle madri, 569 dai padri. Numeri che piazzavano la nostra provincia rispettivamente al terzo (dietro Milano e Monza) e quarto posto (dopo Milano, Varese e Monza).

Tutti i dati nell’infografica:

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.