BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Disastro Foppa: le rossoblù crollano 3-1 al PalaNorda contro Vicenza

Finisce come un girone fa: con la Foppapedretti che spinge forte in avvio, si porta avanti, si fa raggiungere e sorpassare. Fino a vedere Vicenza conquistare la vittoria in quattro set.

LA GARA – Per l’occasione, riprende posto in attacco Celeste Plak, al fianco della compagna di reparto Gennari, della regista Lo Bianco, delle centrali Frigo e Aelbrecht, dell’opposto Barun e del libero Cardullo. Vicenza risponde con Kitipova, Cella, Popovic, Carter, Partenio, Wilson e il libero Lanzini.

La Foppapedretti ha una sconfitta da vendicare, quella del match di andata in Veneto, l’Obiettivo Risarcimento è a caccia di punti per uscire dalla zona calda della classifica.

Si riparte da dove si era rimasti a Novara, sull’onda dell’entusiasmo per la vittoria nei Quarti di Coppa Italia: Katarina Barun attacca con la stessa implacabile potenza e le vicentine si trovano sotto 12-4 al time out tecnico. Partenio guida la reazione delle ospiti, ma fermare Barun sembra davvero impossibile: è 25-13, grazie alle 8 palle su 10 messe a terra dalla schiacciatrice croata, al 75% reaslizzativo di Freya Aelbrecht e al 43% di Alessia Gennari.

Secondo set e la Foppapedretti riparte con la stessa determinazione. Vicenza prova il cambio in regia inserendo Prandi e risale lentamente. Sul 17-14 per le rossoblù Sylla prende il posto di Plak, ma Wilson continua ad arginare gli attacchi delle padrone di casa e Vicenza arriva alla parità sul 21 pari. SI viaggia rispondendosi punto dopo punto fino all’attacco fuori di Vicenza che porta al 24-22 per la Foppapedretti. Partenio annulla con un pallonetto la prima palla set e l’ace di Carter riporta la parità. I diagonali di Barun e Cella e un muro di Lo Bianco infiammano la sfida, un attacco di Carter regala il primo set ball a Vicenza che non si lascia sfuggire l’occasione e con Partenio sigla il 30-28 che riporta la gara in parità. E via di nuovo: torna Plak in attacco, Paggi dà il cambio a Frigo e mette subito a terra due palle vincenti. Ma Vicenza non si lascia intimorire: con Popovic e Cella rimette la testa avanti e sul 6-10 rientra Sylla. Aelbrecht riprende la parità sul 11 pari. Domina l’equilibrio, spezzato da un attacco di Gennari per il 20-18. Poi ci pensa ancora Barun, ma Partenio firma il 24 pari. Muro di Gennari per il 25-24 e di nuovo Partenio al 25-25 e al 25-26, mentre tocca a Wilson il 25-27 che porta Vicenza in vantaggio. La Foppapedretti fatica a scuotersi e si ritrova sotto 7-13, poi 10-17. Wilson, Cella e Partenio sono delle spine nel fianco delle rossoblù che provano a reagire con il turno in battuta di Sylla. Un muro di Paggi vale il 15-18, ma Partenio e Popovic tengono le distanze. 17-21: tocca a Barun e Alebrecht tentare l’aggancio, ma risponde di nuovo Partenio. Barun annulla il primo di tre matchball, Partenio firma il secondo. E Vincenza conquista i tre punti.

IL COMMENTO – Katarina Barun “Merito a Vicenza che ha giocato molto bene. Noi non siamo riusciti a chiudere la partita. All’inizio abbiamo spinto, e non abbiamo fatto lo stesso negli altri tre set. Non si devono cercare alibi, dobbiamo sempre pensare alla prossima partita. Questi punti li abbiamo persi, ora dobbiamo recuperare in fretta e conquistare altre gare. In questo campionato non ci sono partite facili: tutti vanno in campo per vincere”.

IL PROSSIMO TURNO – Domenica si torna al PalaNorda, ma in anticipo di un’ora: la Foppapedretti riceverà il Club Italia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.