BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Letargo Atalanta: dal 6 dicembre il crollo dalla settima alla tredicesima posizione

Più di due mesi senza vittorie. Per l’Atalanta, caduta in letargo dopo il rotondo successo interno sul Palermo del 6 dicembre 2015, quello attuale è un vero e proprio momento-no.

Contro i rosanero, alla 15^ di andata, gli uomini di Reja hanno letteralmente trionfato: Denis, Cherubin e de Roon hanno realizzato i tre gol che sono valsi gli ultimi tre punti in campionato. Già, perché dopo quella splendida gara Gomez e compagni non sono più stati capaci di vincere.

Contro Chievo, Napoli, Udinese, Genoa, Inter, Frosinone, Sassuolo, Hellas, Empoli e Sampdoria (dieci partite) sono stati raccolti la miseria di quattro punti, frutto di sei sconfitte e solo quattro pareggi.

Ma cosa si è inceppato in quello splendido giocattolo che il tecnico goriziano aveva costruito dopo la salvezza dello scorso campionato e, soprattutto, dopo 15 giornate in cui il pubblico bergamasco si era divertito e aveva spesso avuto modo di gioire?

Abbiamo cercato di capirlo con l’infografica che vi proponiamo qui sotto, con tutti i numeri del letargo iniziato il 6 dicembre 2015.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da veronika

    Avevamo uno dei giocatori che più spostava gli equilibri di tutta la serie A e l’abbiamo ceduto per fare cassa. Credo a chi mi dice che sia stato Maxi a chiedere la cessione, ma credo anche che non sia stato fatto tutto il necessario per trattenerlo. Evidentemente alcuni, troppi, tra società e campo non hanno capito la forza del giocatore e purtroppo, così come si gode delle operazioni indovinate, vedi de Roon, allo stesso modo si pagano gli errori.