BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Evasione da film a Rebibbia: sono pericolosi, caccia a 2 uomini in tutta Italia

Evasione da film a Rebibbia con due detenuti, considerati pericolosi a causa dei reati commessi, che sono riusciti a dileguarsi a piedi lungo via Tiburtina: le loro foto diffuse a tutti i reparti di Polizia e Carabinieri.

Più informazioni su

Sono ricercati in tutta Italia Catalin Ciobanu e Mihai Florin Diaconescu, i due romeni di 28 e 33 anni evasi domenica dal carcere romano di Rebibbia: i due, che stavano scontando pene rispettivamente per omicidio e sequestro di persona e rapina, sono riusciti ad eludere la sicurezza e a fuggire prima a piedi e poi con un autobus.

La più classica e cinematografica delle evasioni è avvenuta dal magazzino nel quale stavano lavorando, nel reparto G11 del Nuovo Complesso di Rebibbia: attorno alle 18.30, dopo aver segato le sbarre di una finestra, si sono calati con delle lenzuola, hanno scavalcato rete e muro di cinta e sono scappati a piedi lungo via Tiburtina. 

Le loro foto segnaletiche sono state diramate a tutte le unità di Polizia e Carabinieri: dati i reati per i quali erano detenuti, i due soggetti sono considerati pericolosi.

La denuncia è arrivata da Massimo Costantino, segretario generale aggiunto della Cisl Fns che in una breve nota aveva annunciato l’evasione e le gravi carenze d’organico del carcere romano: “Il personale in servizio nei 14 istituti penitenziari della regione Lazio risulta essere sottodimensionato e non più rispondente alle esigenze funzionali degli istituti dove si continua a registrare un esubero di detenuti rispetto alla capienza detentiva prevista”.

Secondo il segretario generale del sindacato di polizia penitenziaria Sappe Donato Capece, al momento dell’evasione “c’erano di guardia solo due agenti per complessivi 150 detenuti”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.