BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Moschea, Belotti attacca: “Comune minaccia ma poi insiste per aprirne un’altra”

Il segretario provinciale della Lega Nord critico sulla posizione presa dall'assessore Angeloni che aveva intimato alle comunità islamiche di trovare un equilibrio per evitare l'intervento della Questura.

Più informazioni su

“Basta liti e tensioni o chiudiamo la moschea”: suonava così l’intervento dell’assessore all’Innovazione, Semplificazione, Servizi demografici, Sportello polifunzionale, Servizi cimiteriali e Tempi urbani Giacomo Angeloni sulla situazione in via Cenisio.

Parlando di “lotte di potere, chiamate al 112 e gomme tagliate”, Angeloni aveva sottolineato il livello di tensione raggiunto tra le varie comunità che si riuniscono a pregare in via Cenisio, chiedendo che le stesse trovassero un equilibrio per non costringere il Comune a chiamare in causa e chiedere provvedimenti alla Questura.

Una posizione che non ha però convinto il segretario provinciale della Lega Nord Daniele Belotti che, sul proprio profilo Facebook, ha replicato in modo sarcastico, chiamando in causa anche il sindaco: “Ma il muezzin di Palafrizzoni chi pensa di prendere in giro? Da un lato fa il bau bau ‘minacciando’ di far chiudere la moschea dei suoi ‘Fratelli musulmani’ di via Cenisio, dall’altro continua a insistere per farne aprire una nuova, molto più grande e pure finanziata da chi sostiene i tagliagole! Caro El Gori va a La Mecca insieme al tuo muezzin che l’è mei…”.

Il 23 gennaio scorso Belotti ha guidato la manifestazione del Carroccio in piazza a Bergamo: in quell’occasione il segretario provinciale della Lega aveva chiesto rassicurazioni e spiegazioni al Comune, in particolare sulla questione dei finanziamenti da parte della Qatar Charity Foundation.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.