BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Riforma dei modelli contrattuali, Petteni (Cisl): “Lavoratori più protagonisti nelle imprese”. video

A margine dell'incontro alla Casa del Giovane di Bergamo, il Segretario nazionale di Cisl Gigi Petteni illustra la nuova proposta per la riforma dei modelli contrattuali.

Contrattazione, partecipazione e regole. Sono questi i tre pilastri della nuova proposta per la riforma dei modelli contrattuali, approvata all’unanimità dai sindacati Cgil, Cisl e Uil durante gli esecutivi unitari dello scorso 14 gennaio. Il testo è stato votato dagli esecutivi delle tre confederazioni (in tutto 210 dirigenti del sindacato a livello sia territoriale che di categoria) e approvato all’unanimità.

Il documento si propone di “costruire un nuovo moderno sistema di relazioni industriali – spiega il Segretario nazionale di Cisl, Gigi Petteni -. Un sistema basato sull’estensione e qualificazione della contrattazione, la partecipazione dei lavoratori al governo dei processi produttivi aziendali e il consolidamento delle regole della rappresentanza e della rappresentatività”.

Una contrattazione che metta al centro la condizione dei lavoratori e assegni loro un nuovo ruolo: “meno subalterni e più protagonisti nelle scelte delle imprese – commenta a margine dell’incontro di venerdì 12 febbraio alla Casa del Giovane di Bergamo, che ha visto anche la partecipazione dei segretari nazionali di Cgil e Uil Franco Martini e Tiziana Bocchi -. Un progetto di relazioni industriali per il mondo del lavoro e per il paese, che vuole affermare il ruolo delle parti sociali come elemento centrale di democrazia, tutela e miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro. Un sistema che i sindacati vogliono cercare di realizzare insieme, fondato sull’innovazione e la qualità del lavoro”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.