BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pratiche online, quasi decuplicate quelle edilizie al Comune di Bergamo

Bergamo semplice, boom di pratiche online sul portale del Comune. Quasi decuplicate le istanze edilizie, online 9 pratiche del commercio su dieci.

Il Comune di Milano ha nel corso del 2015 aderito al programma “Impresa in un giorno”, un’iniziativa pensata per lo snellimento e la digitalizzazione delle procedure burocratiche a beneficio degli utenti e delle imprese.

“Se il Comune di Bergamo aderisse a questa iniziativa – spiega l’Assessore all’Innovazione e alla semplificazione Giacomo Angeloni – torneremmo indietro di anni rispetto ai risultati che siamo in grado di conseguire attraverso lo Sportello Unico Edilizia e Attività Produttive”.

Una frase che può sembrare presuntuosa, ma si tratta invece della fotografia fedele della realtà della digitalizzazione delle procedure del Comune di Bergamo.
Un percorso iniziato diversi anni fa e potenziato nell’ultimo anno e mezzo dall’Amministrazione Gori, in accordo con il piano di semplificazioni Bergamo città semplice e low tax: “Allo stato attuale – continua Angeloni – tutte le procedure riguardanti edilizia e commercio, ad eccezione dell’autorizzazione paesaggistica (poiché coinvolge direttamente la Soprintendenza) e della richiesta di insegne per le attività commerciali, sono sbrigabili attraverso lo sportello telematico disponibile sul geoportale SIGI. La costruzione di un capannone, la sistemazione di un ufficio, di un negozio, ma anche il permesso di costruire, segnalazione di inizio attività e, infine, richieste di occupazione del suolo pubblico: praticamente tutte le pratiche possono essere sbrigate sullo sportello telematico del Comune di Bergamo.”

E i dati dimostrano la validità della scelta di Bergamo di puntare sulla digitalizzazione delle procedure per quello che riguarda l’edilizia: nel 2012 le pratiche telematiche rappresentavano il 3% del totale delle pratiche presentate, nel 2013 il 3.5%, nel 2014 il 4.5%, nel 2015 il 37.5% delle istanze è stato presentato senza utilizzo e spreco di carta, circa 919 su 2458 pratiche.

“Si tratta di un risultato davvero di grande importanza e valore, – dichiara Angeloni – l’inizio di un cambiamento di paradigma per quello che riguarda i rapporti tra l’istituzione comunale e i cittadini. Per quello che concerne le denunce di inizio attività in edilizia le pratiche online hanno superato quelle cartacee, per quello che riguarda i cementi armati le pratiche cartacee sono ormai zero”.

Se le pratiche online per l’edilizia crescono esponenzialmente, quelle che riguardano il commercio mostrano progressi davvero senza precedenti: il 90% delle istanze viene compilato e consegnato in modo digitale, ma “nel 2016 pensiamo di poter migliorare ancora, grazie alla smaterializzazione delle richieste di occupazione di suolo pubblico. Presto nessuna pratica riguardo il commercio verrà più presentata in forma cartacea agli sportelli, con notevole risparmio non solo di tempo, ma anche di carta e denaro.”

Risparmio economico: il Comune di Bergamo ha infatti previsto incentivi per l’utilizzo del portale telematico, con la riduzione, in alcuni casi, dei diritti di segreteria da 300 a 70 euro.

Non solo: nel 2015 è stato siglato un importante accordo attraverso il quale i versamenti si effettuano direttamente sul SUEAP del Comune di Bergamo, che provvederà poi alla ripartizione per competenze. Un esempio: i diritti dovuti ad ASL vengono comunque corrisposti al Comune di Bergamo, che si occuperà di recapitarli al destinatario, abbreviando i tempi e le procedure all’utenza.

Anche i tempi di verifica delle istanze sono notevolmente ridotti rispetto al sistema di “Impresa in un giorno”: il sistema del Comune di Bergamo assiste passo passo l’utente nella compilazione delle pratiche e garantisce la correttezza formale della presentazione delle istanze (cosa non garantita dal modello scelto dal Comune di Milano, che invece richiede l’integrazione dei documenti nel 30% dei casi), con minor possibilità di frodi o irregolarità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nico

    …il SIGI del Comune di Bergamo è senz’altro fatto bene, anche se migliorabile come tutte le cose, il tono dell’articolo però non è molto condivisibile sopratutto il continuo confronto con milano: il paragone andrebbe fatto con realtà simili a quelle di bergamo e sopratutto bisognerebbe – da parte di chi gestisce il sito e la piattaforma di accesso – avere l’umiltà di accettare le osservazioni e le richieste di migliorie in particolare quella relativa alla possibilità di accesso non solo tramite l’odioso scatolino di formigoniana memoria ma anche tramite una più semplice e immediata USER-ID e PASSWORD (cosa che peraltro lo sportello dell’edilizia già consentiva prima del nuovo portale). PEr non parlare della farraginosa e in certi casi ridondante modulisitica (con relativa farraginosa modalità di firma digitale dei documenti). Poi essendo previsto l’obbligo della smaterializzazione per forza che le pratiche telematiche aumentano…