BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Arriverà il funerale anche per Monica Cirinnà”, bufera su padre Livio Fanzaga

Padre Livio Fanzaga, direttore di Radio Maria, originario di Dalmine, ha attaccato duramente Monica Cirinnà, autrice del ddl sulle unioni civili.

Questa qui, Monica Cirinnà, mi sembra un po’ la donna del capitolo diciassettesimo dell’Apocalisse, la Babilonia, che adesso brinda prosecco alla vittoria. Signora, arriverà anche il funerale, stia tranquilla. Glielo auguro il più lontano possibile, ma arriverà anche quello”.

padre livio fanzaga

Una frase pronunciata a cuor leggero, perfino troppo. La bufera si è scatenata in pochi minuti. Padre Livio Fanzaga, direttore di Radio Maria, originario di Dalmine, ha attaccato duramente Monica Cirinnà, autrice del ddl sulle unioni civili. Proprio lei risponde al direttore di Radio Maria con una simpatica citazione cinematrigrafica. “Mo me lo segno”, echeggiando una famosa scena del film “Non ci resta che piangere” in cui Massimo Troisi replica in questo modo a chi gli diceva “ricordati che devi morire”.

Don Fanzaga aveva già tuonato nei giorni scorsi, sempre dai microfoni dell’emittente religiosa, contro la legge sulle unioni civili, definendo le famiglie omogenitoriali una “sporcizia”. “Tutte le tv, tutti i giornali – aveva detto – sono schierati dalla parte del diavolo. Fanno il lavaggio del cervello. Per cortesia, non tiriamo fuori la parola ‘arcobaleno’ applicandola alle famiglie in cui non si sa bene chi sia il padre e chi sia la madre, chi siano i figli o che cosa. Quella sporcizia lì non vedo che cosa abbia di arcobaleno. Queste forme sono una resa, come dire ‘ho una malattia e me la tengo”. Il sacerdote se l’era presa anche con la presidente della Camera, Laura Boldrini. “I bambini hanno il diritto di avere un papà e una mamma. Di questa elementare verità evidentemente si è dimenticata la presidente della Camera, signora Boldrini, che ha detto che l’utero in affitto è un diritto. Un diritto di chi? Boldrini non può fare propaganda per una parte, visto che rappresenta tutti gli italiani”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giggi

    la risposta “mo’ me lo segno” seppellisce una volta per tutte questo squallido personaggio.

  2. Scritto da Tasslehoff Burrfoot

    Quello che mi consola è che le idee di progresso e civiltà di questa legge (per quanto insufficiente a mio parere) sono destinate a crescere e diventare parte della nostra cultura.
    Mentre l’intolleranza, l’indottrinamento e l’irrazionalità tipiche di ogni religione sono destinate all’estinzione.

    Caro signor Fanzaga, questo è un processo inarrestabile e che proseguirà imperterrito dopo la nostra morte.
    Un giorno i nostri discendenti guarderanno con curiosità ai nostri tempi, alle sua fantasie religiose, ai suoi spiriti e folletti nel cielo, come noi oggi guardiamo i santoni e gli sciamani dei tempi antichi.