BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Abusò per anni della figlioletta della compagna, già molestata dal padre: condannato

Martedì 2 febbraio un 48enne bergamasco è stato condannato a 5 anni di reclusione

Più informazioni su

Ha abusato per due anni della figlia 13enne della compagna, la quale aveva già subito violenze sessuali dal padre. Per questo motivo martedì 2 febbraio un 48enne bergamasco è stato condannato a 5 anni di reclusione dal Gup Bianca Maria Bianchi.

Una triste vicenda che arriva da un paese della Val Brembana e che ha inizio nel 2004, quando la bambina, che allora aveva 7 anni, è costretta a subire molestie dal padre naturale. Una volta scoperto cosa combinava, era stata la madre a denunciare il marito, che venne condannato per violenza sessuale.

Nel 2009 la donna chiede e ottiene il divorzio dal coniuge, e inizia un nuovo rapporto. I primi mesi con il compagno sono lieti, tanto che dalla relazione arrivano anche altri due figli, maschi.

Ma con il passare del tempo la situazione si complica. Iniziano i primi litigi, e a breve anche le scappatelle dell’uomo. Secondo quando raccontato dalla donna in aula, tra le prede del compagno ci sarebbe stata anche la baby-sitter e lui, per conquistarla,  avrebbe addirittura spruzzato spray con feromone sulla giacca.

Nel frattempo, però, l’uomo aveva iniziato ad abusare della figlia, che nel frattempo aveva compiuto 13 anni. Almeno 4o gli episodi emersi, con altrettante violenze sessuali consumate tra le mura domestiche.

Nel 2014 la bambina decide di raccontare tutto alla madre. Non di persona, ma attraverso una toccante lettera scritta con l’aiuto di un cugino più grande. Nella missiva era arrivata persino a scusarsi, dice per il suo comportamento.

La donna decide di denunciare l’uomo. Nel corso degli interrogatori di fronte al pubblico ministero Gianluigi Dettori, l’uomo ammette le proprie responsabilità, parlando però solo di alcuni palpeggiamenti e che si sente colpevolizzato per ciò che ha fatto.

Si arriva così al processo e alla sentenza a 5 anni di reclusione, oltre a una provvisionale di 80mila euro alla ragazzina e una di 10mila alla donna. La richiesta del pm era stata di 6 anni.

Più informazioni su