BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Comana: risparmiatori e banche al tempo dei bail-in

Al C.LUB Luberg Mario Comana, docente alla LUISS Guido Carli di Roma e Presidente del Collegio Sindacale della Cassa di Risparmio di Ferrara, ha spiegato il bail-in.

L’espressione bail-in nelle scorse settimane è entrata nella quotidianità di milioni di italiani in coincidenza con il salvataggio che ha interessato alcuni gruppi bancari del paese. Tuttavia, per i non addetti ai lavori, la terminologia e le dinamiche del mondo finanziario rimangono un argomento di difficile comprensione.

Per questa ragione il primo incontro del 2016, organizzato il 27 gennaio scorso al C.LUB Luberg, ha visto come ospite Mario Comana, docente alla LUISS Guido Carli di Roma e Presidente del Collegio Sindacale della Cassa di Risparmio di Ferrara.

“Risparmiatori e Banche al tempo del bail-in” è stato il focus dell’intervento di Comana che, nel corso della serata, ha cercato di fare chiarezza su uno dei temi al centro del dibattito finanziario italiano ed europeo.

Guarda qui le schede che hanno accompagnato la relazione del professor Comana: (clicca qui) risparmiatoribanche
“Dal primo gennaio” ha spiegato il professor Comana “la risoluzione delle crisi che interessano gli istituti di credito dovrà seguire un percorso europeo e non più le logiche sin qui adottate dal governo nazionale. La novità sostanziale è che, diversamente da quanto accaduto in passato, dal primo gennaio 2016 i costi per risolvere la posizione deficitaria di una banca non vengano sostenuti da interventi statali (ossia dai contribuenti) ma dagli azionisti e dai creditori stessi”.

Per completezza pubblichiamo la relazione del professor Comana.

Il confronto finale fra il professor Comana e i molti che hanno partecipato alla serata ha confermato l’attualità e il forte interesse verso gli argomenti affrontati, tanto che nel corso dell’anno sarà definito un nuovo appuntamento.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da MAURIZIO

    Ah, dimenticavo, le truffe in giacca e cravatta come il “bail in” vengono poi presentate al grande pubbico da gli Interpreti della Legge, espressamente nominati dal truffatore stesso o dai suoi amici. Si tratta dei Docenti-universitari la cui missione è aiutare la gente a capire il mondo moderno. Sono dei veri samaritani.

  2. Scritto da MAURIZIO

    Non è difficile capire il “bail in”. E’ difficile invece capire perchè una Spa chiamata banca, che deve custodire e proteggere i miei risparmi, li utilizzi illecitamente per compensare le sue perdite o il suo fallimento trattandoli come fossero azioni. Poichè questo è illecito, in quanto si tratta di appropriazione indebita, ecco spuntare una legge europea. Oggi si truffa a norma di legge. In Italia siamo maestri, ma in Europa non sono certo da meno.